Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

La poltrona del dialetto (34). Passa ll’angelo e dice ammen

di Francesco De Luca

.

C’è una tenue voce che nell’intimo parla, quando le ombre della sera precipitano l’animo nell’atmosfera grigia di dicembre.
Mi scuoto da dosso la cappa crepuscolare in cui mi pare di essermi avvolto ma il calore della poltrona mi ha già vinto, e le spire del dialetto mi hanno già ingabbiato…

 

Passa ll’ angelo e dice ammen (1)

Tengo ll’anne
pe’ penzà a’ morte.
M’è passata vecino
e m’ha abbuffate (2) ’i ricorde.

Cante ’i ualle
e fruscìe ’i serpiente,
corse ’i uagliune
e d’i viecchie i lamiente,

suspire ’i mamme
e chiante ’i figliole,
’na voce chiamma
responne ’u ruscigniuole (3).
Ind’a chiesa litanie in latino,
i varche se lamentano abbasce ’a banchina,
’u lavo se porta i parracine a mare,
’ncopp’ ’u Municipio traffecano surtante i cumpare,
’a staggiona s’a mangiano chi tene ’a vocca grossa,
’a povera ggente s’adda accuntenta’ dall’osse,
ll’isola nun cagne
e se rire pe’ nun chiagne.

’A morte nun me fa paura.

Aggio bevuto ll’acqua ’i mare
e ’u viento ’i levante
m’ha fatto chiagnere
p’ a rena ind’ a ll’uocchie.
Pozzo pure parti’…
tanto rimango sempe cca:
ind’u core
’i chi ha guduto ’u mare,
ind’i creste d’i scoglie tagliente,
ind’i canzone
c’a ggente tene a mente.

Po’ veni’ quanno vo’ essa…
’a polvera mia
p’i vicule già se sta spannenno:
passa ll’angelo… e dice ammen.

Note:
(
1) – espressione popolare per significare che l’angelo di Dio raccoglie i desideri degli uomini e li esaudisce;
(2)  – riempito;
(3)  – usignolo.

Questa la versione recitata:

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.