Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0012-012 i-35 u-05 lamonica-01 corrida8 sl372210

La poltrona del dialetto (33). Me ne torno a’ casa

di Francesco De Luca

.

Mi riprendo i miei silenzi. In essi mi crogiolo, come la foglia nel frastuono del vento il suo cantuccio.


Me ne torno a’ casa

Saie che d’è? Me voglio arretera’ tarde,
vaco a rimme (1) chianu chiano,
me godo ’stu poco ’i sole
ca me saluta pe’ dimane
e me culora attuorno:
russo ’u cielo, i muntagne, l’onne.
U canuttiello (2) è leggiero

e ’sta bava ’i vegliatura (3)
nun ’u trattène
mentre ’a prora rasenta i scoglie,
passa vecin’ i chiane (4)
e da ’u mare futo (5) s’alluntana.

Me ne torno a’ casa.
Quanno ’u scuro fa deserte i vvie,
i chiacchiere addeventeno suspire,
’u suonno mette pace a i fatiche.
Uocchie ca chiagneno senza lacreme,
vocche ca cercano cumpagnia,
vite ca camminano a ppe sole senza alleria
’n’ne voglio ’ncuntra’.
Spero ca nemmeno ’a luna schiara
’sta via ’ntruppecosa (6).
Si cado, iastemmo sulo
e me cunsolo.

Note: 1 – remi; 2 – barchetta: 3 – vento leggero; 4 – scogli affioranti; 5 – profondo; 6 – sconnessa.

Questa la versione recitata:

Devi essere collegato per poter inserire un commento.