Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0018-018 paolo-01 u-20 ss08 102 16

La canzone della domenica (114). Passione di Mario Lanza

di Emilio Iodice

.

È da poco passato l’anniversario della morte di Mario Lanza…

“L’ho conosciuto proprio il giorno della sua morte, ero un ragazzino e da lì è cominciato questo interesse profondo per studiare non solo la voce, ma la persona, il carattere” ha spiegato Emilio Iodice, autore del libro – A Kid From Philadelphia: Mario Lanza, The Voice of the Poets -, presentato alla Columbus Citizens Foundation mercoledì e ieri all’Italian American Museum.

Ho suggerito Passione di Mario Lanza per aprire un nuovo mondo a chi ama la musica e le voci magnifiche e dare loro il dono di ascoltare e vedere uno dei più grandi interpreti di tutti i tempi.

Mario Lanza era l’idolo di Pavarotti, Domingo, Carreras e di quasi tutti i principali cantanti del XX secolo, inclusi Elvis Presley e Barbra Streisand.

Nel decennio in cui è stato sulla scena mondiale Mario Lanza è stato, senza dubbio, il più grande tenore di tutti i tempi; tra i migliori artisti mondiali di registrazioni e concerti; una star del cinema mondiale e aveva il suo programma radiofonico in cui milioni di persone ogni domenica aspettavano con ansia di sentirlo cantare.

Aveva la straordinaria capacità di passare dall’Opera lirica alla musica popolare che nessun tenore ha mai raggiunto.

È apparso in programmi televisivi e ha avuto una popolarità da rock star, milioni di ragazze lo idolatravano.
Il suo nome e la sua fama erano conosciuti da un angolo all’altro della terra.

Mario ha origini molto umili. Nasce a Philadelphia nel 1921, anno della morte di Enrico Caruso. Suo padre era di Filignano, Isernia e sua madre di Tocco da Casauria in Abruzzo.

Lanza era molto bello, carismatico, gentile, generoso e simpatico. A 16 anni ha mostrato il talento di un grande tenore e sapeva cantare anche come Frank Sinatra e Domenico Modugno. Ha vinto una borsa di studio e ha preso lezioni di canto con il maestro Rosati, il maestro di Caruso, l’idolo di Lanza.

Si è esibito all’Opera House di New Orleans e stava progettando di debuttare al Metropolitan quando Hollywood lo ha scoperto. Era il 1947. Passò dall’oggi al domani dalla povertà alla ricchezza.

Ha realizzato 7 film, tra cui The Great Caruso, che è stato nominato per l’Academy Award per la sua musica.

Che cosa aveva questo tenore che, secondo il grande direttore Arturo Toscanini, nessun tenore prima o dopo avrebbe posseduto? Quale tratto lo rendeva così diverso da far sognare Pavarotti non di essere Caruso ma di essere Mario Lanza? Che qualità aveva Lanza che ha ispirato Domingo a chiamarlo “American Caruso” con una voce incomparabile per bellezza, dignità, chiarezza e potenza? Cosa ha fatto piangere Elvis Presley, cantanti e fan quando Lanza ha cantato? Cosa aveva che una regina ha detto: “Non potevo credere che la voce umana potesse essere così bella”.

Mario Lanza aveva passione.

Ha detto che cantava sempre come se fosse la sua ultima volta. Si dedica completamente alla sua arte.

Quando si esibiva accarezzava le sillabe della canzone e le sue vibrazioni musicali. Ha approfondito l’emozione di un’aria e ha catturato i sentimenti e si è ipnotizzato con la combinazione delle sensazioni della musica e delle parole per trasmettercele in modo chiaro e singolare.

Lanza parlava uno splendido italiano e diversi dialetti, compreso il napoletano, che amava.

Secondo una leggenda, nel 1956, quando Lanza sbarcò a Napoli centinaia di migliaia di persone attesero di sentirlo cantare senza fare le prove. I cantanti più famosi di Napoli di quel tempo dicevano: “Ci è voluto un ragazzo americano per insegnarci a cantare le nostre canzoni con un cuore, un’anima e una voce.”

Mario Lanza registrava raramente due volte un’aria o una canzone perché non poteva riprodurre più di una volta la stessa passione.

Mentre ascolti Lanza, puoi immaginare diverse cose:

– Sta cantando solo per te.
– Ascolta ogni parola mentre aggiunge il suo tocco speciale di emozioni e sentimenti.
– Ascolta l’orchestra. Sta suonando alla voce e seguendola come uno strumento musicale unico.

“Passione” faceva parte di un album di canzoni napoletane intitolato “Mario”. Lo registrò nel 1958 sul palco del Teatro dell’Opera di Roma. Il direttore è stato Ennio Moricone.

Consiglio di ascoltare “Granada” e “La Donna è Mobile” di Lanza e molti suoi lavori, tutti disponibili su YouTube.

Fortunatamente, ha registrato in stereo che fa risaltare i colori e la precisione nella sua voce. Ha cantato in un’epoca in cui la tonalità non poteva essere manipolata meccanicamente.

Lanza viveva a Roma. Adorava l’Italia e la Città Eterna. Ha girato il suo ultimo film, “Per la prima volta”, a Capri e, forse, a Ponza.

Morì il 7 ottobre 1959. Aveva 38 anni.

 

 

PASSIONE

(Bovio, Tagliaferri, Valente – 1934)

Cchiù luntana mme staje,
cchiù vicina te sento.
Chisà a chistu mumento
tu a che pienze, che faje.
Più lontana mi stai,
più vicina ti sento.
Chissà in questo momento
tu a cosa pensi, cosa fai.

Tu mm’hê miso ‘int’ ‘e vvéne
nu veleno ch’è doce.
Comme pesa ‘sta croce
ca trascino pe’tté.
Tu mi hai messo nelle vene
un veleno che è dolce.
Come pesa questa croce
che trascino per te.

Te voglio, te penzo, te chiammo,
te veco, te sento, te sonno.
Ti voglio, ti penso, ti chiamo,
ti vedo, ti sento, ti sogno.

E’ n’anno,
ce pienze ch’è n’anno,
ca st’uocchie nun ponno
cchiù pace truvà?
E’ un anno
ci pensi che è un anno,
che questi occhi non possono
trovare più pace?

E cammino, cammino,
ma nun saccio addó’ vaco.
I’ stó’ sempe ‘mbriaco
e nun bevo maje vino.
E cammino, cammino,
ma non so dove vado.
Sono sempre ubriaco
e non bevo mai vino.

Aggio fatto ‘nu vuto
â Madonna d’ ‘a neve,
si mme passa ‘sta freve,
oro e perle lle dó’.
Ho fatto un voto
alla Madonna della neve,
se mi fa passare questa febbre,
oro e perle le do.

Te voglio, te penzo, te chiammo,
te veco, te sento, te sonno…

N.d.R. Passione è una delle canzoni napoletane più famose di tutti i tempi costituendo una struggente analisi dell’estasi e della sofferenza d’amore. È stata scritta nel 1934 da Libero Bovio (tra l’altro autore di moltissime altre canzoni napoletane di successo come Lacreme napulitane, Silenzio cantatore, Tu ca nun chiagne, ‘O Paese d’o sole, Zappatore, Chiove, Signorinella, Guapparia) e musicata da Ernesto Tagliaferri e Nicola Valente (da Wikipedia).

 

Ho scritto un saggio: Mario Lanza Tenor ed è stato letto in tutto il mondo.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.