Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

f-ab h-32 i-28 u-26 k2-34 ss17

Immacolata 2019. Ave maris stella

di Francesco De Luca

.

La lode più esultante, quella che compendia il nostro rivolgerci da ponzese alla Madonna Immacolata è: Ave Maria – stella del mare.

Molti sono i canti che includono questa espressione. Noi la ripetiamo con enfasi, talvolta dimenticando che quell’AVE è una esclamazione. Quella che l’Angelo rivolse a Maria prima di annunciarle le disposizioni di Dio Padre. Ave, un saluto, come a dire SALVE.

Don Luigi Dies certamente la mutuò da un celebre salmo ‘Ave maris stella’, accompagnato, nella liturgia, dal canto gregoriano. È celebre quel salmo perché svetta nella produzione gregoriana.

Penso però che in noi, isolani di poca erudizione e di tanto sentimento, l’Ave Maria stella del mare, abbia avuto presa perché si riporta in modo immediato al mare, al compagno insostituibile della nostra esistenza. È come se, attraverso quella espressione, la Madonna si avvicini di più alle nostre esistenze. Da figura sublime diviene nostra compagna. E infatti, se mi permettete la nota, la Madonna Immacolata, don Luigi ce la presentava a noi, giovani dell’ Azione Cattolica, non tanto come Madre bensì come Compagna, come amica di cammino.

Non ho preparazione da catechista e pertanto le mie considerazioni non sono fondate su dottrina bensì sul sentimento.

Stella del mare. Perché l’esistenza è come un mare. Vasto, procelloso e appagante. Poter godere di una stella, di un faro, di una luce che irradi il cammino è da fortunati. E noi lo siamo. Perché alimentiamo un sentimento di forte trasporto. Per la nostra isola, per coloro che circondano la nostra vita, per gli ideali che professiamo.

Riporto il canto gregoriano col testo: Ave maris stella.

« Ave maris stella,
Dei Mater alma
atque semper virgo
felix coeli porta.Sumens illud ave
Gabrielis ore
funda nos in pace
mutans Evae nomen.Solve vincla reis,
profer lumen caecis,
mala nostra pelle,
bona cuncta posce.Monstra te esse matrem,
sumat per te preces
qui pro nobis natus
tulit esse tuus.Virgo singularis
inter omnes mitis,
nos culpis solutos
mites fac et castos.

Vitam praesta puram,
iter para tutum
ut videntes Jesum
semper collaetemur.

Sit laus Deo Patri,
summo Christo decus,
Spiritui Sancto
tribus honor unus.

Amen. »

« Salve, Stella del Mare
di Dio madre alma
vergine sempre e feconda
porta del cielo.Quell’ave ricevendo
dal labbro di Gabriele
noi nella pace immergi
mutando il nome d’EvaSciogli dai lacci i rei
ridà la luce ai ciechi
discaccia i nostri mali
ottienici ogni bene.Dimostra d’esser madre
Per te le preci accolga
quei che, per noi nascendo,
sofferse d’esser tuo.Vergine senza pari
tra tutte la più mite
Scioglici dalle colpe
rendici casti e miti.

Donaci vita pura
proteggi il nostro viaggio
finché Gesù vedendo
gioiremo per sempre insieme

Sia lode a Dio Padre
a Cristo sommo onore
allo Spirito Santo
onore a tutti e Tre

Amen. »

Riporto la nostra canzone. Ave Maria, stella del mare:

 

Da YouTube il salmo ‘Ave maris stella’:

.

.

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.