Mare

Notturno ponzese

di Carmine Pagano

Le luci del porto. Orig. Reduced size

.

Notturno ponzese

.

Sera ’i staggione quieta,
senza nu ciato ’i vient’.
Vid’u mare int’a gufata
è ’nu lastre scintillante
sott’a luce da luna
ca pare ’nu brillante.

Santa Maria, Giancos, Sant’Antuono,
so’ ciento, mille luci
ca se specchiano int’a l’acqua,
ca sciacqua sott’i varche,
e se sente chiane chiane,
pure ’u canto da risacca.,

Pare ca nun vo’ fa rumore
pe’ nun scetà a chi dorme,
ma tene pure a mente
chi sta core a core,
’n’coppa a ‘na varca a mare
vasannese int’u scure,
parlannese d’ammore,
pare che le vo’ dicere:

“…A vvui ‘nammurate, ’i mò ve facce ’a connola
cantanne ’a serenata…”

1 Comment

1 Comment

  1. Venadia

    12 Maggio 2013 at 12:34

    Noto con piacere che avete utilizzato una mia foto inviatavi tempo fa, celandone però la firma.

    Nadia Verardo

È necessario effettuare il Login per commentare: Login

Leave a Reply

To Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: