Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Poca umanità

di Francesco De Luca

.

Chicchino, lo chiamavano tutti, modificando il nome datogli dai genitori: Franceschino.

Dopo che tornò dalla guerra col terrore della bomba esplosa a pochi metri, sgranava gli occhi e, nel disinteresse di tutti in piazza, gridava  al vento, che spandeva il disagio per le stradine: “i recchie…  recchie”. Gridava e agitava le braccia e andava via mentre il suo grido trovava eco nei compaesani intorno. Invano.
“E’ Chicchino”, ci si confortava a vicenda. Quel nome, nella sua declinazione graziosa e minuta sembrava lenire l’asperità della disperazione, della desolante solitudine dell’uomo.

Foto di Annalisa Sogliuzzo

Marzo marcia sicuro e porta il sole lì dove era interdetto, e il tepore apre le gemme, e gli alberi si accendono di tenui colori.

C’è quell’arancio. Aveva perso tutte le foglie dietro le busse dei venti. Ora è colmo di piccole foglioline verdi intorno ad un pallino bianco. Fra qualche giorno sarà il fiore. Quanti ne sono. E’ ammullecato (intasato), e credo non riuscirà a portarli avanti. Ma fa il suo corso. Imperterrito e indifferente alle vicende umane. Quelle che le società del mondo  stanno patendo. Esse ci desolano perché non seguono le nostre aspirazioni.

Foto di Annalisa Sogliuzzo

C’è un abisso fra le cose umane e quelle naturali. Queste scorrono con casualità strafottente, senza piagnistei e senza eccitazioni. Le nostre sono compulsive. I vaccini, le varianti genetiche, le morti, le flessioni produttive, gli orgogli nazionali. E i politici blaterano attestazioni fondate su fandonie, e i miei concittadini alzano suppliche perché l’isola rimanga fuori dalla tragedia planetaria. Attendono, in ascolto e in attesa, le promesse di abbondanza, in contrasto con  una evidenza storica: l’impegno crea il futuro e la morale fonda il valore delle azioni.

Checchino s’era perso nello scoppio della bomba. Gli aveva strappato l’equilibrio e da quella sua deficienza ci guardava come un alieno. “Poca umanità…  – gridava  – poca umanità”. Disperato.

Foto di Annalisa Sogliuzzo

 

1 commento per Poca umanità

Devi essere collegato per poter inserire un commento.