Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

La poltrona del dialetto (38). ‘U sole a febbraio

di Francesco De Luca

.

Con questo freddo l’accogliente poltrona diventa ispiratrice.

‘U sole a febbraio

I mmane gelate,
‘na smorfia tene ‘a faccia ghiacciata,
i piede se strascinano
pecché i ponte so’ fredde.

‘Na seggia spagliata sta appoggiata a u muro
dint’a curteglia,
addò ‘u sole s’assetta.
Tutta bianca, pure si scuzzecata (1),
chiusa a i viente c’ ‘a vulessero scuncecà (2),
è u posto addò febbraio se fa gudé’.

I panne spase moveno i culure,
‘a ‘na parte, i ppazzielle (3) lasciate da i criature (4),
quacche giunchiglia d’a terra già sponta
e ‘u petterusso gira attuorno e sta pronto.

‘Nfaccia ‘u sole ‘a seggia aspetta chi ha bisogno ‘i calore
pe truvà ind’a vita ‘nu poco ‘i piacere.

A febbraio ‘u sole piglia curaggio:
appena ‘u cielo schiaresce
s’appizza (5) ind’i spicule d’i grariate,
‘ncopp’i schianate ( 6),
addò i parracine fanno fiancate,
sotto ‘ll’arche riparate.
‘A mescella (7) sdellonga (8) i zampe
e ‘u cane ‘a ponta ‘a luntano,
zì Marietta se strufina i mane
e Ninotto cu ll’uocchie chiuse stregne ‘u ggiubbotto.

‘U sole a febbraio
è poco, e nun basta maie.

1 – Smangiata; 2 – metterla in disordine; 3 – giocattoli; 4 – bambini, 5 – staziona, 6 spiazzi, 7 – gattino; 8 – allunga

Devi essere collegato per poter inserire un commento.