Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

u-01 vb ambrosino-01 scotti-b-bis massimo-di-cataldo Idraulica antica: galleria drenante

Siparietto estivo per attente riflessioni

di Martina Carannante

.

– Retunne! Retunne! 5 € ’u kilo, so’ bbuon’ e appena pescatiii!

– Gaeta’, ma ti pare modo di urlare – dico io mi meraviglio di te! La banchina è piena di turisti, qualcuno con la puzza sotto il naso guarda pure sconvolto… Nunn’è cosa ’i mena’ ’u bann’ a ’sta manèra accussì! Sssh… E poi, scusami, ma questo è tiemp’ ’i ’lici e no’i Retunne!

Gaetano mi guarda con l’aria sorniona, continua dicendo: “Io urlo, perché tutti l’hanna sapè! Stamme chine ’e Retunne, po’ esse ca ’sti quatte  f’rastiere  s’ì portano e guadagnamme pure nuie!

Dico io: – Gaetà, tu lo sai che se tu guadagni io so’ contentissima, ma hai il banco vuoto, addo stanne ’sti Retunne?! Chi li ha mai pescati di ’sti tempi?!? Che dice… stai perdennə ’a capa’? M’aggia preoccupa’?!

Gaetano: – Guaglio’, pe’ favore, tu si’ troppa giovane e nun può capì, poi parli cu’ une e cu’ n’ate e nun sai niente ’i Retunne ? Uno sicure ere cumpagno a tte…

– Aaah! – penso tra me e me – ’u prossim’ che oggi me dice che so’ giovane ’u piglio a cauce… Ma che vonne dicere?! Che per capi’ coccosa aggia tene’ 70 anni? –  Io parlo con tanta gente, è vero, mi piace chiacchierare, ma continuo a non capire tutto ciò che c’azzecca cu’ i Retunne! A maggior ragione, l’amico mio, come dici tu, è da ’na vita nun se sente chi, né morto e né vivo… gli sarà caduta la penna ’a fore ’u Scoglie Russe!

La banchina si riempie, gente che arriva e che parte, chi aspetta la barca per il giro dell’isola, chi per Frontone; chi gira in cerca di un parcheggio, chi urla che manca la benzina, un trapano in lontananza rompe un pezzo di banchina; c’è chi va a fare la spesa, chi in divisa cerca un posto all’ombra e Gaetano che continuando a guardare a destra e sinistra dice: – Aeeeh, mo’ pure i Saraghe stann’ arrivann’!

Inizio ad intuire qualcosa, ma voglio la conferma legittima: – Gaetà, ma addo’ ’i stai vedenn’ tutti ’sti pisce..?! Io veche sul’ cristiani!

Gaetano: – Eeh… te l’aggie ditte… tu si’ giovane e vedi solo persone, io ho ’na certa età e veche Retunne e Saraghi! Guarda ’sta banchina comm’ è chiena! Se fossene overe pisce, sai che iurnàta ogge!?

– Vabbuo’ Gaeta’ – rispondo io – pure se sono giovane, avevo capito l’andazzo, ma proprio perché parlo con tutti quanti, volevo pure il tuo parere che sicuramente è più spassionato! Sei uomo semplice, lavoratore e di valore… e meglio di così non potevi darmelo. Hai ragione siamo pieni ’i Retunne e Saraghe ’i Puort’ e chissà dove andremo a finire!

Poi mi prendo la mia busta per una bella zuppa di pesce, che solo Gaetano mi conserva; lascio Saraghi e Retunni in quel porto caotico e senza regole e faccio ritorno a casa, perché, per adesso, quello non è il posto giusto dove stare.

 

N.B.
La storia narrata è solo frutto della mia immaginazione; Gaetano scusami, ma come protagonista del mio racconto eri perfetto e non ho resistito.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.