Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

k2-20 sa p-04 v4-14a-bis Un rimorchiatore rimesso a nuovo Forme multicolore di spugne incrostanti

Da lontano…

di Francesco De Luca

.

Tramite mani amiche mi è giunta questa poesia di un amico/collaboratore di Ponzaracconta: Dante Taddia.

Mi ha fatto oggetto di attenzione l’amico Dante, già dal 2005, e mi ha omaggiato di questo ricordo in versi. Quelli suoi, quelli romaneschi (come sanno i lettori del Sito).

 

All’ amico Franco De Luca

So’ passati cinquant’anni
che se semo conosciuti,
amo visto cco’ che panni
l’amicizzia cia’ cresciuti.

E’ ’n fratello isolano:
ce accomuna la poesia
’o scrive libbri, core ’n mano,
su quest’isola ’n po’ mmia !

E’ ’na voce de cronista,
Ponza  n’ha solo malanni
come ‘n’agave o aspidista
fiorirà… ma fra cent’anni.

Ogni tanto se vedemo,
quarche vorta s’encontramo,
scrive assieme… lo faremo
tant’è ’o stesso che penzamo !

Latina 25 giugno 2005

 

Pendola fra Latina e il Mozambico, fra la casa e il lavoro. Sempre attento a non perdere l’entusiasmo verso ciò che ama e che vorrebbe migliore. Ecco perché Ponza la tiene nei pensieri e… bontà sua, anche me. Lo ringrazio per questa attenzione, che, io almeno, non merito.

Gli ho risposto. Approfittando della bontà del sito Ponzaracconta, che così diviene il salotto di casa, un ambiente familiare.

 

’A penzammo ’u stesso modo !

Fratu mio,
dice bbuono.
Tu ’a luntano,
ie ’a vecino
raggiunammo ’ncopp’a Ponza
e ce vene ’u male ‘i panza.
So’ passate cinquant’anne?
Tiene raggione,
ma nun putimmo mette a freno ’a passione.
I cose hanna cagnà…
e nuie ce avimmo mette ’a mano.

’A ggente ce vo’ bene,
’stu scoglio ’nse mmereta ’sti pene.
Accurdammo i strumente,
schiarimmece ’a voce
e cantammo
comme fanno i nnammurate,
ll’isola nosta desidera
’na canzone appassionata.
Fra cient’anne,
comme dice tu,
sarrà ’n’isola felice…
comme chella
c’avimmo visto nuie
quanno tu sunave ind’ma Bbussola
e ie te guardavo cu’ ammirazione,
e ind’ a Caletta erano bagne d’ammore,
e ll’amicizzia era sora carnale.

Danteee…
fratu mio…
tenimmece pe’ mano,
pure si ’a luntano.
Ogge è già aiere
e dimane nun è luntano.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.