Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Amedeo Guarino racconta…

riportato da Franco De Luca

Era il tempo (non molto lontano) in cui il popolo maldicente non lesinava battute salaci sui costumi, non del tutto morigerati, dei frati. I quali erano molto più a contatto con la vita dei cristiani perché spesso lasciavano i monasteri per mescolarsi fra la gente, chiedendo l’elemosina, aiutando . . . →: Amedeo Guarino racconta…

“Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (9)

di Ernesto Prudente

Capitolo 23°

Pinocchio piange la morte della Bambina dai capelli turchini, poi trova un colombo che lo porta sulla riva del mare e lì si getta nell’acqua per andare in aiuto del padre.

Pinocchio, comme fu lebberàte se mettètte a fùijere p’a campagne senze fermarse mànche nu minute fine a . . . →: “Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (9)

“Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (8)

di Ernesto Prudente

Capitolo  19°

Pinocchio viene derubato delle sue monete d’oro e per castigo si busca anche quattro mesi di prigione

Pinocchio, pe fa passà u tiémpe ca ére spettà, turnàje dint’u paése. Cuntàve i minùte, une a une, é quanne credètte ca fosse u mumènte juste, c’u . . . →: “Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (8)

“Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (7)

di Ernesto Prudente Capitolo  16°

La bella bambina dai capelli turchini fa racco­gliere Pinocchio, lo mette a letto e chiama tre medici per sapere se sia vivo o morto.

Pinocchio stève ancòre appise a schiante i chélle piànte quanne a uàglione, chélle bèlle uaglione cu i capille turchine, affacciànnese n’ate vote a fenèste, . . . →: “Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (7)

“Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (6)

di Ernesto Prudente

 

Capitolo  13°

L‘osteria del Gambero rosso

Pinocchio, a vorpe é a jàtte s’avviàrene pe gghì u campe d’i miràcule. Camminàjene pe tutt’a jurnate é, quanne stéve pe fà nòtte, stanche muorte, arrevàjene a nu pòste addo stéve a cantine d’u Gàmbere russe che, appìse fòre a pòrte, nce stéve . . . →: “Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (6)

“Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (5)

di Ernesto Prudente

Capitolo  10°

I burattini riconoscono Pinocchio e gli fanno una gran festa, ma sul più bello esce fuori Mangia­fuoco, il burattinaio, e per Pinocchio si profila il pericolo di fare una brutta fine.

Quanne Pinocchio trasètte dint’u barraccone, u sipàrje stéve ggià aizzate e ncòppe u par­che già stévene Arlacchìne . . . →: “Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (5)

“Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (4)

di Ernesto Prudente

Capitolo 6°

Pinocchio si addormenta con i piedi sul braciere e la mattina dopo si sveglia con i piedi bruciati

ere na nuttate i viérne, na brùtte nuttàte, na nuttatàcce. Tròne, lampe é acque i ciéle. S’arapèttene i cataràtte, tante chiuvéve fòrte. L’acque scennéve a cate. U viénte, accussì fòrte, aizzàve . . . →: “Le avventure di Pinocchio” in dialetto ponziano (4)