Canzoni

Una canzone per la domenica (214). Canzoni magiche

di Luciana Figini

 

Ci sono delle canzoni degli anni settanta che, ancora oggi, mi fanno emozionare a tal punto da farmi venire la pelle d’oca… e non solo perché penso che, quando le ho ascoltate la prima volta, avevo quindici o sedici anni.
Sono canzoni magiche, che creano atmosfere a volte surreali e fuori dal tempo.
Ve ne voglio far ascoltare qualcuna.
La prima è Moonchild dei King Crimson: la voce è quella di Greg Lake, che avrebbe in seguito abbandonato il gruppo per formare gli Emerson, Lake and Palmer (Elp).
Il testo è surreale e misterioso, la voce di Greg è dolcissima, emozionante.

Call her moonchild
Dancing in the shallows of a river
Lovely moonchild
Dreaming in the shadow
Of the willow…

.

.

Cat Stevens da tanti anni è uscito dalla scena musicale per seguire la sua fede islamica [leggi e ascolta anche qui: Una canzone per la domenica (31). Come fu che Cat Stevens divenne Yusuf Islam].
Qualche anno fa è apparso con una nuova canzone, ma è stato solo un episodio.
Quando smise di cantare per seguire la sua religione fu come se una parte della mia adolescenza si chiudesse.
Le canzoni di Cat me le aveva fatte conoscere una mia cara compagna di classe; le ascoltavo quando avevo bisogno di raccoglimento e tranquillità.
Questa che segue, 18th Avenue è un piccolo viaggio onirico lungo una strada immaginaria.
Una strada che percorriamo tutti durante i nostri sogni notturni.

Well I rode a while, for a mile or so
Down the road to the eighteenth avenue
And the people I saw were the people I know
And they all came down to take a view
Oh the path was dark and borderless
Down the road to the eighteenth avenue…

.

.

Un tenera canzone dei Ten Years After,  grande gruppo rock famosissimo per la loro apparizione al Festival di Woodstock con “Going Home”, che ogni tanto si lasciava andare a canzoni più melodiche.
Il testo di I’d like to change the World (titolo che mi fu molto utile allora per imparare il condizionale in inglese) parla di voglia di cambiamento, ma anche di incapacità di attuarlo.

Life is funny, skies are sunny
Bees made honey, who needs money?
Monopoly
I ‘d love to change the world
But I don’t know what to do…

Buon ascolto e buona domenica

Clicca per commentare

È necessario effettuare il Login per commentare: Login

Leave a Reply

To Top