Canzoni

Una canzone per la domenica (195). Il menestrello gentile

proposto da Sandro Russo

 –

La mia esperienza della musica rock ha avuto il suo battesimo nel fuoco vivo (e nell’acqua gelata) dell’isola di Wight:
Sul sito:
La mia isola di Wight (1);
Il 1970 Rock Festival (2);
Ripensando alla mia isola di Wight, molti anni dopo (3).

Ma prima e dopo quell’esperienza – da raccontare ai nipoti, se li avessi – ha avuto alcuni delle luci, o fari di riferimento. Tra essi i Beatles (ovviamente), Bob Dylan, Leonard Cohen, Donovan, Emerson Lake and Palmer… e tra i gruppi del progressive rock, i King Crimson, Jethro Tull, Genesis e Yes. Un ordine di preferenza non saprei stilarlo, ma di ciascuno credo di aver scritto sul sito e proposto qualcosa (controllerò; se qualcuno manca sono qui per ovviare).

Siamo quindi a Donovan, che era nella locandina del Isle of Wight Rock Festival, insieme diversi altri mostri” che hanno fatto la storia del rock.

Molto intimista e incantato Donovan (ciascuna nostra scelta rappresenta un aspetto della nostra natura) che ‘nasce’ come emulo di Bob Dylan (più per asserzione dei media che altro), per poi trovare una sua strada del tutto personale: il periodo folk, quello psichedelico, quello “elettrico”. Negli ultimi anni non l’ho più seguito – ha visto che è ancora in attività, malgrado abbia “una certa età” (è del 1946) –  me ne scuso con lui, ma si cambia, nella vita.

Comunque è sempre un’emozione ritornare agli album e alle canzoni che hanno fatto da colonna sonora ai nostri anni.
Questo pensavo quando ho tirato fuori i vecchi lp, per fotografarli per questa occasione.

A gift from a flower to a garden (Il regalo di un fiore al giardino), il titolo di uno degli album (doppio) è l’ispirazione per queste foto dei miei vecchi vinili

Sarebbe bello che qualcuno dei nostri lettori partecipasse a questa rubrica fotografando, illustrando e facendoci risentire la sua musica del cuore. Qualcuno l’ha già fatto.

Dei tanti pezzi memorabili di Donovan propongo qui Atlantis (nel senso del continente sommerso) e Hurdy Gurdy man (L’uomo dell’organetto)

Atlantis è tratta dall’album Barabajagal (1968)

 .

 .

Cliccare sull’immagine dei testi, per ingrandire

.

Hurdy Gurdy Man
Donovan The Hurdy Gurdy Man ℗ Originally released 1968 Sony Music Entertainment Inc. Released on: 1968-09-01 Producer: Mickie Most Composer, Lyricist: D. Leitch

 

Clicca per commentare

È necessario effettuare il Login per commentare: Login

Leave a Reply

To Top