Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Poesia in vernacolo. Nuovi premi per Alfredo Scotti

a cura della Redazione

Leggi qui l’articolo precedente 

Ci vengono segnalati altri riconoscimenti per il “poeta ponzese” Alfredo Scotti: a Pompei il 5 settembre 2020 e il più recente l’altro ieri a Solofra (Av).

Con il componimento che l’autore così motiva:
“Dedico questo premio al mio caro e fraterno amico ponzese Giovanni Valenti scomparso nel 1974 a soli 24 anni.
Mi fa piacere ricordarlo qui anche per i molti che ricorderanno Giovannino figlio di Maria Migliaccio ved. Valenti di sopra Giancos. La signora Maria è stata la persona che mi ha introdotto nel tessuto ponzese e con i suoi racconti e ricordi mi ha iniziato alla ponzesità”.

Alfredo e Giovannino a Ponza. Foto anni ’70

’O Suonno

L’ata notte aggio fatto ’nu suonno curiuso e bello assaje
steve a ’na festa ’e ballo cu’ e cumpagne ’e giuventù
all’intrasatte ’na sunata ’e porte… e chi sarà ?
Maronna mia!
Me s’è gelato ’o core,
me trove ’e nanze ’u cumpagne mio cchiù caro
muorto tantu tiempo primmo cu’ ’nu tumore.
’Na valiggetta mmane
tutto bello cu’ e capilli ricci e dorate
e ’nu surriso ’nfacce stampato.

Cu’ ’na paura ’ncuorpo …
ma pure tanta gioia… me so’ fatto curaggio
e l’aggio addumannato: Giuvanni’?
Comm’è ca si turnato?
Addo’ vaje accussì bellu vestuto e cu’ ’sta valiggetta ?

E isso me risponne: stonghe partenne pe’ ’nu posto bell’assaje
nun tengo tiempe pe’ nisciuno
ma a te ’o cumpagne mie cchiù caro, aveva veni’ a truva’,
po’ ce simme abbracciate e salutate.

Quanne me so’ scetate aggio capito, ca l’amicizia nun tene cunfine
e po’ me songhe addumannato :
che me vuleva dicere cu ’stu suonne?
ca forse dopp’ ’a morte
ce sta veramente n’atu munno?

Devi essere collegato per poter inserire un commento.