Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Poesie in dialetto ponzese in Recital

di Francesco De Luca

 

Il dialetto ponzese in un Recital che omaggia in modo eclatante la cultura popolare isolana e, in definitiva, la nostra gente.

Il percorso poetico sarà puntellato da canzoni celebri.

INVITO, sabato 28 agosto, alle ore 21,00, dietro la Caletta al porto, al Recital.

Presento un’anticipazione:

 

Notte d’ austo

L’occhiolino d’u Faro d’a Madonna m’è cumpagno
ind’a ‘sta notte scura e quieta
pure si i  lucelle d’i varche brillano
ind’a cala Gaitana, ind’u Core, inde Fruntone,
e ‘nte dico ca ce sta ind’u puorto
ammasato ‘i varche comme acciughe.
Luntano… verso ‘a Votte…(1) doie lampare
stanno pescanno a  alici.
‘A notte è nera tomba…
‘nse move ‘na foglia manco pe scummessa.

E’ ‘u tiempo d’a Quinnecina (2)
… t’arricuorde…
ind’i grariate
‘nfacci ‘a Madonna d’a cappella.
“…Regina de lu cielo
putentissima maistà,
sta grazzia ca te chiedo
fammella pe pietà…”

Zì Olimpia cummannava  ‘u  rusario
e i criature,
comme tanta strummulille (3) senza cchiù corda,
abbabbiate (4) da i canzone ‘i chiesa.

“Voce ‘i notte te sceta ind’a nuttata…
sunava ‘na chitarra ind’u vicolo
e i femmene rereveno malizziose
e duie giuvene pruvaveno a accurda’ i vvoce.

Notte d’esta’,
senza ‘na rille, (5)
ind’u cielo i stelle a mille,
manco ‘nu ciato ‘i viento,
cu l’animo cuntento
‘i chesta meraviglia.

Comme ‘nu suonno
è rimasta.

Passa ‘u tiempo
e nun s’u piglia.

Note: 1 – scoglio della Botte;  2 – pratica religiosa eseguita nei rioni davanti alle cappelle votive; 3 – trottola di legno; 4 –  insonnoliti;¸ 5  – grillo.

 

Questa la versione recitata:

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.