Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Afghanistan. E adesso? (1)

di Emilio Iodice

.

Fin dall’inizio dell’occupazione dell’Afghanistan, gli Stati Uniti hanno costantemente utilizzato un concetto improprio e per me fastidioso: “L’obiettivo era addestrare l’esercito afghano a combattere”.

Naturalmente, questa idea non aveva alcun senso, dal momento che gli afgani sono stati tra i combattenti più feroci che hanno rovesciato imperi come quello britannico, sovietico e americano.

Abbiamo imparato anche che se un paese come gli Stati Uniti può impedire che accadano cose brutte, non può far accadere cose buone senza il pieno e completo sostegno della gente.

C’è stata una terribile mancanza di intelligence e comprensione diplomatica alla base della mancata previsione di quel che è successo, anche se gli ultimi cinque presidenti degli Stati Uniti hanno affermato che avrebbero posto fine al coinvolgimento dell’America.

Biden non è riuscito a creare un perimetro di stabilità e a garantire la sicurezza di coloro che hanno servito l’America e i nostri alleati in Afghanistan, che ora sono obiettivi dei talebani. Anche se ora sono decine di migliaia negli Stati Uniti, molti altri sono ancora intrappolati nella burocrazia.
Ora che gli americani se ne sono andati, vediamo cosa succede senza di loro.

Ha senso ed è giusto che un popolo si governi da solo. Sfortunatamente, gli afghani non sono stati bravi nell’autogoverno così come altri paesi reduci da un regime coloniale come Libia, Libano, Yemen, Somalia.

L’anno scorso, 50.000 libanesi hanno presentato al presidente francese, Emmanuel Macron, quando è sbarcato a Beirut, una petizione affinché la Francia prenda il controllo del loro paese, poiché il governo libanese ne è totalmente incapace. Forse le cose cambieranno.

Ora che i talebani hanno conquistato l’Afghanistan, dobbiamo pensare ai problemi importanti e porci domande serie su cosa accadrà dopo. Non domani, o dopodomani, ma nei mesi e negli anni a venire. Relativi ad aspetti diversi:

  • Torneranno ai loro modi omicidi e puritani di 20 anni fa, quando hanno ospitato Al Queda, imposto la legge islamica, stuprato, ucciso e perseguitato ragazze, donne e oppositori politici senza alcuna preoccupazione di ripercussioni, o si renderanno conto che un nuovo mondo li sta guardando? Le madri e le ragazze afgane permetteranno che ciò accada?
  • Il loro prossimo passo è attaccare obiettivi europei e americani sul loro territorio?
  • Nel 2000 esistevano pochi cellulari nel Paese. Non c’erano iPhone, Facebook o Twitter. Oggi il 70% percento della popolazione è connesso a Internet. Comunicano tra loro e con il mondo. Le atrocità dei talebani saranno filmate e documentate in tempo reale. Forse cercheranno di chiudere il mondo virtuale o forse non ci riusciranno. Il nuovo regime può sfuggire agli occhi delle persone in tutto il mondo, ma possono nascondersi?
  • I talebani devono ora governare e fornire lavoro e sicurezza ai loro 40 milioni di abitanti. Avranno bisogno di aiuti esteri e dell’aiuto degli Stati Uniti e dei loro alleati. Invece, i loro unici “amici” sono dei veri “squali”: Pakistan, Iran, Russia e Cina.
  • Milioni di ragazze sono nelle scuole e decine di migliaia nelle università, molte costruite dagli Stati Uniti. I talebani le rimanderanno a casa e chiuderanno le Università, come hanno fatto in passato? La popolazione sosterrà questo, oltre all’eliminazione e al massacro all’ingrosso di migliaia di donne e uomini istruiti che sono emersi dalla povertà negli ultimi due decenni per servire la società?
  • La maggior parte degli afgani istruiti e qualificati come elettricisti, idraulici, esperti di computer e dipendenti pubblici cercano di fuggire dal paese e lasciare i talebani con un gruppo di gangster analfabeti e inadatti a governare una nazione.
  • Le preoccupazioni per l’ambiente e il cambiamento climatico stanno colpendo il paese ora e diventeranno più gravi in ​​futuro.
  • L’America ha cercato di difendere se stessa e i suoi alleati dal terrorismo alimentando la prosperità, la stabilità, l’uguaglianza di genere, la libertà religiosa, educativa e politica. Il concetto era corretto ma il terreno dove venivano piantati questi semi era arido e inospitale. Sfortunatamente, questo è stato il caso dell’Afghanistan.
  • Eppure sappiamo che sono solo questi preziosi valori che ci permetteranno di sopravvivere nel XXI secolo mentre il vortice della tecnologia e del cambiamento climatico ci divora o ci permette di risolvere i nostri problemi e vivere una vita migliore.

Spero che i talebani si pongano le stesse domande e abbiano risposte per ciò che accadrà dopo.

[Emilio Iodice. Afghanistan. (1) – Continua qui]

3 commenti per Afghanistan. E adesso? (1)

  • silverio lamonica1

    Ho ascoltato con molta attenzione il discorso del Presidente americano Biden. Mi ha colpito il seguente passaggio: ” Avevamo organizzato un esercito afgano, forte di 300.000 uomini, bene addestrato ed equipaggiato” ( più o meno sono state queste le parole). Come mai si è dissolto come neve al sole in un batter d’occhio, di fronte all’arrivo di 20 o 30.000 fanatici col turbante nero? Mi sono chiesto. Il motivo, secondo me è il seguente: venti anni non sono bastati a cambiare la mentalità degli afgani patriarcali, maschilisti e in perfetta sintonia con il modo di pensare dei talebani. E così tranne alcune migliaia che hanno tentato e tentano tuttora disperatamente una via di fuga, soprattutto donne e giovani, la quasi totalità ha accolto a braccia aperte i talebani, promotori di una mentalità che vede succube la donna rispetto all’uomo, con una concezione della vita a dir poco medievale.
    Probabilmente, se di quei trecentomila militari afgani, almeno un quarto fossero state soldatesse ben addestrate e armate, io credo che la faccenda avrebbe preso una piega ben diversa.

  • https://www.byoblu.com/

    Vi allego un LINK per saperne di più sulla questione talebana.
    20 anni di guerra guidata dagli Usa, che ha coinvolto la Nato. Milioni di dollari di euro bruciati per ottenere il nulla in termini di democrazia.
    Al contrario quella marea di denaro ha arricchito pochi uomini.
    Io mi chiedo:sono gli Stati a decidere le sorti dei popoli o un manipolo di affaristi a manovrare intrighi, guerre, e pandemie?

    La risposta per me è chiara da tempo: la politica è al servizio del grande capitale e tutto diventa una buona opportunità per fare affari.

  • Enzo Di Fazio

    Il commento di Silverio mi fa ricordare la drammatica testimonianza di qualche giorno fa di un medico afghano evacuato da Kabul, il dottore Arif Oryakhail, collaboratore dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo (per chi volesse sentirla cliccare su questo link: lo sfogo del medico afgano rientrato da Kabul)
    Arif Oryakall, nel descrivere la situazione di pericolo che stanno vivendo negli ospedali di Kabul i colleghi medici, gli infermieri e tutti i collaboratori e nel raccontare l’ estrema indigenza in cui si trovano i malati e i bambini per mancanza di medicinali e cibo, alla domanda di un cronista che gli chiede perché l’esercito afghano non sia intervenuto, perché non abbia combattuto risponde con un’affermazione e un’altra domanda “un esercito che non riceve salario da sei mesi/sette mesi cosa aspettate che faccia, per quali motivi dovrebbe combattere?” e ad una successiva domanda “Vi sentite traditi dall’Occidente?” risponde in maniera provocatoria “Traditi? cosa pensate voi?“ “Noi pensiamo di sì“ rispondono in molti.
    Forse la risposta a quello che sta accadendo in Afghanistan non va trovata solo nella mentalità patriarcale e maschilista dei soldati afghani ma anche altrove. Nella corruzione, innanzitutto, che ha pervaso il governo afghano e negli errori commessi dall’Occidente. Non a caso la Merkel qualche giorno fa andava dichiarando “Sull’Afghanistan abbiamo sbagliato tutti. Siamo stati vent’anni in quel paese e in tutto questo tempo gli sforzi fatti non hanno avuto successo
    Oggi l’Afghanistan ritorna nelle mani dei talebani e alla dittatura islamista e, quel che è peggio, si ritrova, nonostante i vent’anni di presenza degli occidentali, ad essere ancora uno dei paesi più poveri al mondo.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.