Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Ponza, un’isola senza guardiani

Segnalato dalla Redazione

 

dall’edizione on-line di Latina Oggi.eu del 31 luglio

I fari dell’isola sono rimasti senza guardiani

 

Ponza – L’ultimo di loro è andato in pensione qualche tempo fa. Alla figura romantica sono stati sostituiti fari ad energia solare

I fari di Ponza sono rimasti senza guardiani, l’ultimo è andato in pensione qualche mese fa, era il signor Silverio Montella. E con lui è finita l’era e il mito dei guardiani del Faro, che tanto spazio hanno nell’immaginario di bambini e non solo. L’isola vanta quattro bellissimi fari: il faro della Rotonda Madonna, il faro a luce rossa del porto, il faro di Caponegro a Zannone, il faro faraglione della Guardia.
Ora però tutti i fari di Ponza funzionano in automatico e il guardiano è diventata un figura superflua.

Il faro del porto, il lanternino
(foto di Enzo Di Fazio)

La situazione dei fari di Ponza ad oggi è questa: faro della Rotonda Madonna è composto da una lanterna e quattro appartamenti in buono stato. Due di questi erano in uso ai guardiani. Gli altri due, uno è in uso alla guardia costiera di Ponza (mentre un tempo veniva sfruttato come alloggio vacanza da impiegati al Genio Civile). Il quarto appartamento, fino a pochi anni fa, veniva abitato per l’estate da dipendenti della Marina Militare;

Il faro di Caponegro a Zannone molto tempo fa era stato affittato ad un farmacista di Roma, tranne la lanterna e un locale. Poi non gli è stato più rinnovato l’affitto, perché la forestale ne ha fatto richiesta alla Marina, in quanto i locali comunali della villa di Zannone, dove abitavano e non manutenuti, erano diventati a rischio di crollo.

Il faro di Zannone
(foto di Giancarlo Giupponi)

Attualmente il faro è in ottimo stato di conservazione, perché ristrutturato da qualche anno; i tre appartamenti dei guardiani due sono in uso dalla Forestale ed una della Marina Militare. E’ un faro funzione in automatismo e ad energia solare;

Il faro faraglione della Guardia è quello messo peggio, e versa in grave stato di abbandono, col passare degli anni hanno rubato tutto: mobili, posate in argento massiccio con scritto Regio Marina, servizio di ceramiche Capodimonte da tavola con scritto Regio Marina ecc. ecc.

Il faro di punta della Guardia
(foto di Giancarlo Giupponi)

Da qualche anno il faro è stato dismesso dalla Marina, tranne la lanterna. Attualmente, la lanterna funziona in automatico ed è alimentata ad energia solare. Da un paio di anni è stato affittato ad una società della Sardegna, che ha già in affitto il faro di capo Spartivento (un resort a 5 stelle).

Corre voce che anche questa struttura diventerà un altro resort 5 stelle.
A raccontarlo è il dottor Biagio Vitiello, che con i fari ha un legame a doppio filo: il papà è stato uno dei guardiani dei fari di Ponza, e che ha alle spalle una storia eroica per la quale è stato chiesta una medaglia al valore civile.

«Io sono nato e vissuto nei fari di Ponza, mi piacerebbe raccontare la storia che ho vissuto lì – ha dichiarato Vitiello -. Al Faro della Guardia “qualcuno” dovrebbe mettere in sicurezza tutto il versante sud della collina monte Guardia, dove corre la strada di accesso, e mettere anche in “sicurezza” l’approdo ai piedi del faraglione (dove è ubicato il faro). Tutta Ponza è funestata dai dissesti idrogeologici, in particolare Chiaia di Luna (di cui non vediamo da anni la risoluzione del problema).
Peccato, e me ne duolo immensamente, che nessuna amministrazione comunale di Ponza ne ha fatto mai richiesta dei suoi fari, per renderli fruibili alla collettività, ubicati in luoghi meravigliosi che andrebbero salvaguardati e tutelati, perché hanno una storia centenaria ancora da raccontare alle generazioni che seguiranno, perché essi sono bene comune e parte della storia di Ponza»

***

NdR: per il faro della Guardia, per quanto a noi noto, non risulta ancora formalizzata la concessione in fitto alla società di Cagliari, la New Fari srl, risultata assegnataria con il bando Valore Paese-Fari del 2016
Per un approfondimento rimandiamo il lettore agli articoli:
Il faro della Guardia tra vecchi sogni, dura realtà e incerto futuro  e Il faro della Guardia? Anche lui “bello e impossibile, entrambi di Enzo Di Fazio

Devi essere collegato per poter inserire un commento.