Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Cisterna Romana Dragonara, ‘La grotta della maga’

di Luisa Guarino

.

A Ponza l’ultimo giorno del mese di luglio coincide questa sera con il quarto appuntamento della rassegna “Temis 2021” inserita in “Ponza Summer Festival 2021” e realizzata da Acts Theatre. Alle 22 presso l’antica Cisterna romana della Dragonara avrà inizio lo spettacolo “La grotta della maga. Il viaggio dell’eroe” di Irma Ciaramella e Francesco Maria Cordella; regia di Francesco Cordella; con Irma Ciaramella, Elisabetta Liguori, Francesco Cordella.

Irma Ciaramella (Circe), Elisabetta Liguori (dea Temis)
e Francesco Maria Cordella (Ulisse)

Oltre ad essere una messa in scena suggestiva, intensa e permeata di magia, l’evento segna la riapertura dell’antica cisterna, chiusa da qualche anno al pubblico: e questo è grande motivo d’orgoglio sia per il teatro come arte in sé che per Acts, Associazione culturale Top Spin, poiché la compagnia cui fa capo ha la propria sede legale e profonde radici professionali e affettive nell’isola. Per questo forse insperato risultato un grande ringraziamento va da parte degli organizzatori al sindaco Francesco Ferraiuolo e all’assessore alla cultura Gennaro Di Fazio per il loro interessamento.

Allo spettacolo, per ovvi motivi di distanziamento in luogo chiuso, possono assistere non più di venti persone, ma “La grotta della maga” verrà replicata questa stessa sera anche alle 23 e alle 24, secondo le richieste del pubblico. Rispetto alla versione degli scorsi anni, oltre alle figure di Circe e Ulisse, è stata introdotta quella della dea Temis, emblema del Teatro Misterico Sacro, che Acts vuole proporre proprio quest’anno a Ponza: “Un’occasione di scambio, di crescita, di trasformazione collettiva alla quale i presenti sono chiamati a partecipare”. Un’altra bella notizia è che Acts è stata selezionata dal Ministero della Cultura per il Fus, Fondo unico per lo spettacolo, come “impresa di produzione, di ricerca e sperimentazione”.


.


Questo quarto appuntamento proposto da Temis 2021 “incarna proprio il Teatro Misterico Sacro, la nuova proposta di Acts che recupera e rinnova la funzione catartica ed evolutiva della rappresentazione teatrale” afferma Francesco Maria Cordella. La rassegna Temis 2021, che ha preso il via lo scorso 17 luglio, comprende complessivamente sei spettacoli; ce ne sono in programma ancora due, domenica 8 e sabato 14 agosto alle 22, alla Caletta del porto. Il primo s’intitola “Dal patriota D’Annunzio a Ponza isola identitaria” con Edoardo Sylos Labini, fondatore di Cultura e identità: conduce Francesco Cordella; il secondo, “Non chiamatemi maestro”, sarà invece un omaggio a Giorgio Strehler per i 100 anni della sua nascita: interverranno attori strehleriani.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.