Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Sviluppo sostenibile a Ponza, il recupero di Villa delle Tortore

Riceviamo dalla Rete Italiana per il Dialogo Euromediterraneo e pubblichiamo

Comunicato Stampa

Un Centro euro-mediterraneo di Alta Formazione e Science Diplomacy sulla sostenibilità a Ponza per donne e giovani: appello alla Regione Lazio per Villa delle Tortore    

 

Esperti e rappresentanti delle principali istituzioni euro-mediterranee rilanciano l’appello dei ponzesi alla Regione Lazio dello scorso 12 luglio dalla Villa delle Tortore (di proprietà della Regione, nel centro dell’isola), perché salvi la Villa in disuso da circa 15 anni, e ne autorizzi la trasformazione in Centro per l’Alta Formazione e Science Diplomacy sulla sostenibilità ambientale, a beneficio di donne e giovani generazioni dell’area mediterranea, in occasione dell’evento Sviluppo Sostenibile a Ponza, programmato in forma ibrida oggi lunedì 26 luglio 2021 a Ponza.

 Fabio Massimo Castaldo, Vicepresidente del Parlamento europeoAntonio Parenti, Capo della Rappresentanza della Commissione Europea a Roma, Angelo Riccaboni, Presidente della Fondazione PRIMASilvia Costa, Commissario per il restauro del penitenziario di Santo Stefano a Ventotene, Gennaro Migliore, Presidente, Assemblea Parlamentare del Mediterraneo (PAM), Grammenos Mastrojeni, Segretario Generale Aggiunto dell’Unione per il Mediterraneo (UpM), e Luigi Di Maio, Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, parteciperanno (di persona, o in remoto)  all’evento che la Rappresentanza della Commissione Europea in Italia e Prospettive Mediterranee hanno organizzato nella piazza della SS. Trinità sull’Isola di Ponza, con il supporto della Fondazione Prima (Segretariato Italiano), in collaborazione con la RIDE.

 Greta Spreafico, Assistant Coordinator della Rete Italiana ALF, ed Enrico Molinaro, Presidente di Prospettive Mediterranee e Segretario Generale della Rete Italiana per il Dialogo Euro-mediterraneo (RIDE), Capofila della Fondazione Anna Lindh in Italia coordinano l’evento – nel contesto del Festival Cerealia e dell’iniziativa annuale euro-mediterranea inter-istituzionale Ponza Prima-Med 2021, entrambi beneficiari di una medaglia del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella -, per celebrare l’80° anniversario del Manifesto di Ventotene per l’Europa libera e unita, in due momenti distinti in successione tra loro,.

Il celebre Manifesto di Altiero Spinelli, confinato con Pertini e Terracini dal 1937 al 1939 a Ponza, e poi deportato dal 1939 al 1943 a Ventotene, ispira i valori dell’iniziativa, con l’obiettivo di porre l’Arcipelago Pontino al centro simbolico di dialogo e cooperazione euro-mediterranei, e di lanciare un messaggio comune sullo sviluppo sostenibile, sottolineando lo stretto rapporto tra cibo, salute e ambiente evidenziato anche dalla pandemia Covid-19.

L’evento inizia alle ore 19 col Seminario in lingua italiana sul proposto Centro di Alta Formazione e Science Diplomacy nella Villa, per corsi di alta formazione sulla sostenibilità, summer school, un Ristorante identitario per promuovere la prevenzione primaria attraverso la Cucina identitaria, corsi ed attività legate alla Science Diplomacy per promuovere scambi culturali, dialogo religioso, e collaborazione economico-sociale nell’area mediterranea.

Segue alle ore 19:45 la Conferenza conclusiva, in lingua inglese con traduzione in italiano, del progetto Ponza Prima Med sulle best practice agro-alimentari, vincitore del bando per le Call for proposal della Fondazione Anna Lindh (ALF), organizzato dalla RIDE in collaborazione con le due partner colleghe capofila ALF egiziane e palestinesi, sotto il coordinamento della RIDE. 


Dott.ssa Nour Bona
Coordinatrice Comunicazione Ufficio Stampa
Rete Italiana per il Dialogo Euro-Mediterraneo RIDE
Capofila della Fondazione Anna Lindh in Italia

Prospettive Mediterranee
Via Ficùlnea 26, Roma, 00137

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1 commento per Sviluppo sostenibile a Ponza, il recupero di Villa delle Tortore

  • Lasciamo tracce lungo il nostro breve cammino e sono tracce di distruzione, inquinamento, deturpazioni. Poi facciamo convegni e allora ci esaltiamo e prospettiamo un futuro di “Eccellenze” ma nel presente continuiamo a praticare la “Mediocrità”.

    È nella buona pratica quotidiana che si prepara un futuro migliore.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.