Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

La scelta di Giosi, tra la strada e la scuola

di Martina Carannante
.
Qualche giorno fa, quando è stato pubblicato l’elenco dei vincitori del bando per i vigili urbani nel comune di Ponza, sono stata lieta di leggere tra i nomi quello di Ludovica Pesce, una ragazza ponzese che sicuramente avrà modo di dimostrare che anche tra i giovani ci sono buone capacità, e quello di Giosuè Conte (Giosi) un amico di famiglia, un uomo di legge che, nonostante nell’ultimo periodo per svariati motivi non facesse più parte del corpo dei vigili urbani isolani, per noi era sempre “Giosi ‘u vigile!”

Per quanto riguarda Giosi, trovando il suo nome in quella graduatoria non ho potuto fare altro che gioire per lui e per questo successo ma, qualche giorno dopo, ho anche appreso di una difficile scelta che ha fatto.
Da uomo di legge qual è, ma soprattutto per seguire le orme dei suoi genitori, in particolare del padre Giannino, Giosi ha scelto di non “tradire” la scuola e la sua gestione complicata per un posto come quello di vigile urbano.
Così rimarrà dietro la sua scrivania in segreteria come ha fatto suo padre tanti e tanti anni fa.
Ha partecipato la  decisione al Comune e per renderla nota a tutti mi ha chiesto di pubblicare sul sito la lettera (che trovate in calce a questo scritto) con le motivazioni della sua rinuncia.

La scelta di Giosi è una scelta di cuore, oltre che di testa, e sicuramente nella sua scuola farà bene come ha fatto bene suo padre per tanti anni.

In formato .pdf: lettera di rinuncia

2 commenti per La scelta di Giosi, tra la strada e la scuola

  • silverio lamonica1

    Conosco Giosi fin da bambino. Ha svolto e svolge i vari compiti che la vita di volta in volta gli presenta, con la massima serietà ed impegno. La foto di repertorio ce lo mostra nella divisa di vigile urbano quando prestava servizio a Ponza e ricopriva tale ruolo con la massima serietà ed impegno.
    Con altrettanto impegno e meticolosità, lo vedo seduto da qualche anno dietro la scrivania dell’Istituto Scolastico Carlo Pisacane, quale assistente amministrativo. E’ la medesima scrivania che fu occupata per tanti anni da suo padre, l’indimenticabile Maestro Giannino, quale segretario dell’allora Circolo Didattico.
    Secondo me, Giosi – partecipando al concorso per vigili urbani – voleva dimostrare soprattutto la sua capacità e bravura nei vari gangli della Pubblica Amministrazione.
    La sua rinuncia al posto di vigile urbano, probabilmente sofferta, è dettata dal fatto che la scuola di Ponza, per quanto riguarda gli organici, non vive una situazione migliore rispetto al Comune di Ponza, dal momento che egli è l’unico assistente amministrativo di ruolo presente nell’istituto e rappresenta quindi l’unico elemento che può garantire la continuità amministrativa ( come del resto si legge nella sua lettera indirizzata al sindaco). E ciò gli fa onore e lo affermo con cognizione di causa, perché ricopro attualmente l’incarico di Commissario Straordinario dell’Istituto Scolastico, in assenza del Consiglio di Istituto.
    Grazie, Giosi.

  • Giosi già occupava la scrivania che fu del padre ma ha deciso comunque di partecipare al concorso che ha prima vinto e poi vi ha rinunciato.
    Probabilmente questo era il suo obiettivo: prima vincere e poi rinunciare per dare un messaggio a qualcuno?

Devi essere collegato per poter inserire un commento.