Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

La poltrona del dialetto (41). Brilla ‘a curteglia

di Francesco De Luca

.

I bimbi sono la benedizione della casa.
E’ in vecchiaia che questa massima trova verità. Oggi le politiche sociali si fanno con le calcolatrici… e si perde la poesia del tempo che marchia le generazioni e, attraverso il vissuto familiare, tramanda vita, sapienza, stagioni, usanze, affetti.

Brilla ‘a curteglia
‘A luna m’accumpagna stasera
mentre stongo saglienno pe’ m’arretera’.
Chella lucella è ‘a casa mia.
Llà m’arreposo
doppo ‘st’affanno
sulo cammenanno…
Mado’… ‘sti cosce ‘nce ‘a fanno.
Eppure ‘sta via m’a gnuttevo (1) comme ‘nu muorzo
quanno tenevo ‘a forza

‘A casa… duie uocchie nire…
so’ state ‘a fonte ca me luvava ‘a sete
e ancora mo… ‘u ffa’.

M’aggio bevuto tutt’a vita ch’aggio potuto
ma nun songo sazzio.
‘Stu scoglio, ch’u voglio bene,
nun m’acquieta.
Cu ‘a bellezza ca tene
putesse esse lucente comme ‘nu faro
e invece s’appiccia (2) sulo ‘i lagnanze e dispiette.
Nemmeno ‘u mare, ca se slarga
senza cunfine,
riesce a sazzia’ ‘a rraglia (3).

Pe me ‘nce sta cchiù tiempo.
‘U viento
s’ha purtato ‘u carico mio…
L’ha sparzo pe’ chesti vie
e m’ ha dato ‘n’appuntamento ca nun pozzo mancà

Sofia me guarde preoccupata
quanno stongh’ ‘nserrato
ind’i penziere.
‘A criatura (4) vo’ capi’ pecché
preferisco chiude ll’ uocchie
invece ‘i corre arret’ ‘a palla.
Zompa comme ‘na rilla (5), Sofia,
e rire
e tutt’a curteglia brilla
pecché cu’ essa
‘a vita è bella

Note: 1 – ingoiavo;  2 – si accende;  3 – avidità;  4 – la bambina; 5 – grillo;

Questa la versione recitata:

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.