Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

La poltrona del dialetto (40). Mantenimmece a vista

di Francesco De Luca

 

Mantenimmece a vista

‘Nse po’ mai sape’…
ll’aria è fosca
e ‘stu mare sta crescenno fore misura…
Mantenimmece a vista…
ca si tenimmo bisogno
ce putimmo da’ ‘na mano
uno cu ll’ate.
Comm’e frate.

Certo… ‘na cosa so’ l’intenzione
e ‘na cosa so’ i fatte.
Teneno diente e ogne (1) affelate,
ca straccieno ‘a carne
‘i chi s’è fermato
pecché ‘u dulore mpietto
leva ‘u respiro,
o pecché a fatica ‘i campa’
ha spezzato ‘a fune d’u tiro.

Se scioglieno i cimme,
se perdono ll’ancore
ca ce faceveno sicuri,
e mo ca vulessemo truva’ gioia
recordanno i tiempe antiche
chiagnimmo aret’ i funerali
d’i cumpagne ca ce hanno lasciato.

Pe’ chello ca se po’…
mantenimmece a vista
ca n’è fenuto, no.
‘U viento tesa  (2) e ‘u mare volle  (3),
‘u fanale è miccio  (4)
e ‘i forze so’ molle…
mantenimmece a vista…
e quanno vene
‘a botta ce trova ammagliate  (5).
Si hamma cade’
cadimmo comm’e frate.

 

Note: 1 – unghie; 2 – si rafforza, 3 – si gonfia; 4 – fioco; 5 – stretti insieme.

 

Questa la versione recitata:

 

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.