Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Il 5 luglio torna il Giro di Ponza

a cura della Redazione

 

Riprendiamo e pubblichiamo integralmente dalla pagina di ieri della FIDAL – Federazione Italiana Di Atletica Leggera – Comitato Regionale Lazio il bell’ articolo di Moreno Saddi sul 20° Giro di Ponza – 3° Trofeo “Confinato di Ponza” che ritorna oggi, con un programma di gare fino al 9 luglio, dopo uno stop dovuto alla pandemia.

Ponza in provincia di Latina, sarà il teatro della manifestazione del 20° Giro di Ponza – 3° Trofeo “Confinato a Ponza”, in programma dal 5 al 9 luglio 2021. Il circuito di gare nell’isola, è formato da quattro tappe, con diverse tipologie di percorso e altimetrie. Organizzato da Lupo Sport e Domenico Di Loreto, la collaborazione tecnica della società Poligolfo, il patrocinio del comune di Ponza, con l’approvazione della FIDAL e dell’A.S.I.

IL CIRCUITO: LE CARATTERISTICHE – Una manifestazione spettacolare visto il luogo dello svolgimento! Ponza, esteso sull’isola omonima e sulle vicine isole minori di Palmarola, Gavi e Zannone, appartenenti all’arcipelago delle isole Ponziane, nel Mar Tirreno. Le partenze avverranno tutte alle ore 18.30, si svolgeranno in modalità cronometro, con partenze scaglionate ogni 3 minuti, con batterie che potranno variare da 5 a 10 atleti per ogni slot di partenza, in modo che la distanza tra gli atleti in gara sarà fin da subito rispettosa dei 2 metri previsti dal D.P.C.M. e dai protocolli FIDAL, con le seguenti tappe: la prima è quella della “Ponza – Le Forna” di 7 km, il ritrovo è alla Banchina Nuova; la seconda è la “Cronoscalata” di 1,5 km; la terza è quella del “Cross della Miniera” di 6,5 km, con ritrovo presso il Campo Sportivo Le Forna; la quarta e ultima tappa, il “Giro della Panoramica” di 9,4 km, con ritrovo alla Banchina Nuova. Nella giornata di pausa di mercoledì 7 luglio, si potrà approfittare per fare un giro a piedi o una gita in barca e vedere alcuni scorci meravigliosi dell’isola.

GIRO DI PONZA: LA STORIA – A Ponza la prima gara podistica si tenne nel 1937, era “Le Forna-Ponza” il primo classificato risultò Giulio Migliaccio. Tutto fu ripreso trentuno anni fa con il Giro della Panoramica, quindi una gara nella gara, in qui furono premiati solo il primo e la prima classificati. Nel 1973 Gianni Conte atleta ponzese percorse la distanza della Panoramica a piedi scalzi vincendo abbastanza facilmente quella edizione. Dal 1990, fu modificato in Giro di Ponza, erano due tappe, Cross della Miniera e Giro della Panoramica, nel ‘94 venne aggiunta la tappa di Ventotene e per due anni le tappe furono tre.

Per motivi tecnici si è stati fermi 4 anni, nel 2000 si è ripreso il Giro aggiungendo la cronoscalata portando così a 4 le tappe ed è il giro che si corre attualmente!

PERCHE’ IL “TROFEO CONFINATO A PONZA” – L’istituzione del confino a Ponza da parte del regime fascista è datata 1928. I primi confinati arrivarono nello stesso anno e vennero alloggiati nel carcere penale borbonico, nel quale Pisacane aveva “reclutato” la maggior parte dei partecipanti alla sua storica e sfortunata impresa a Sapri. Ponza accolse il futuro presidente Sandro Pertini (arrivò il 10 settembre 1935) e personaggi come Giorgio Amendola, Lelio Basso, Pietro Nenni, Mauro Scoccimarro, Giuseppe Romita, Pietro Secchia, Umberto Terracini, Zaniboni e tanti altri, insieme ad esponenti slavi e greci, ras etiopici, indipendentisti libici. Molti dei confinati si trovavano negli edifici alle spalle del municipio, e della chiesa tra via Roma e Via Parata, anche se altrettanti si trovavano in altri palazzi ed in molte case private, che accolsero anch’esse gli esiliati. Quasi a tutti i confinati era consentito muoversi in uno spazio ristretto, che andava tra il tunnel di Sant’ Antonio attiguo a via dante, la contrada Guarini e la contrada Dragonara

L’EDIZIONE DEL 2019 – La vincitrice assoluta delle quattro tappe fu Paola Zachi della G.S. Zelofor, con il tempo finale totale di 1h44:25. Questi i suoi tempi parziali (32:30-7:41-24:21-39:53). Il podio più alto a livello maschile se lo era assicurato, Claudio Guglielmetti della G.S. Fulgor Prato Sesia, con il crono finale totale di 1h23:19. I suoi tempi parziali sono stati (25:45-5:50-19:48-31:56).

Scheda evento

NdR: le foto inserite a corredo dell’articolo si riferiscono a momenti delle passate stagioni

Devi essere collegato per poter inserire un commento.