Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

L’angolo di Lianella/11. Questa terza età

Storiella in dialetto romanesco di Amelia Ciarnella 

.

Si apre il sipario e appare il parco di un ospizio con due panchine. Arrivano due vecchi: uno appoggiandosi dignitosamente a un bastone, ma cercando di camminare dritto, con la velleità di apparire ancora giovane. L’altro zoppicando rovinosamente e lamentandosi ad ogni pie’ sospinto.

Entrano e si siedono.

Sor Cesare: (Seccato per la vicinanza del vecchio lamentoso sbotta): A sor Grego’, e mo la dovete fini’ de lamentavve sempre a ‘sta maniera e voi me levate puro sta poca voja de campa’ che ancora me rimane. Ma possibbile che non riuscite a tenevveli pe voi lì dolori? E scusate ma voi stancate puro l’angeli der cielo.

Sor Gregorio: (con voce nasale o altro difetto di pronuncia a piacere) Sor Cesare mio, voi ci’avete raggione, ma me succede che quanno me lamento pare che me s’alleggerischeno li dolori, speciarmente se c’è quarcuno che me sente. Se invece nun c’è nisuno, nun me lamento mai perché pare che me sento sempre uguale: è propio ‘na questione psicologgica.

Sor Cesare: Ma che questione psicologgica, voi ce dovressivo ave’ solo un po’ de amor propio e ricordavve ogni tanto, che sete sempre er resto de quello che fu un omo. E scusate, ma voi fate vergogna’ tutta la categoria.

(Entra sora Giulia, vecchia anche lei, ma ancora ben portante, con un lavoro in mano. Interrompe la discussione salutando allegramente)

Sora Giulia: Sor Cesare!

Sor Cesare: Buongiorno sora Giu’. Oh! Ve siete fatto un par d’occhiali da fare invidia alla donna più alla moda! Ve stanno propio bene sapete!

Sora Giulia (civettuola): E mbè, che volete sor Ce’, na nota de modernità ce vole sempre, anche se so vecchia so sempre na donna no?

(Rivolgendosi all’altro) Buongiorno sor Grego’, e voi come ve sentite stamatina?

Sor Gregorio: (mesto e sconsolato) E che ve devo di’, sora Giulia mia, l’attacco de colica addominale de ieri l’ho superato, ma è da stamatina che ciò certi dolori de schina che me sento come trapassa’ da parte a parte da na spada! Ahi che male! Oh povero me! (altri lamenti a piacere.)

Sora Giulia: Nun v’avvilite Sor Grego’, mo ve se stabilizza er dolore e ve ce abbituate! Che volete, all’età nostra li dolori mica passeno, ce se dovemo abituà noi a sopportalli, fino a che passamo noi, mica loro! Mo ve faccio un massaggio consolatorio, (rivolta al pubblico ripete): perché giusto consolatorio po’ esse, a st’età nun c’è più gnente da massaggià! – (Mentre la sora Giulia massaggia come può la schiena a Sor Gregorio, il Sor Cesare si agita nervoso sulla panchina e alla fine non potendone più sbotta):

Sor Cesare: A Sor Grego’, e voi co la scusa che state sempre male, na vorta ve fate massaggia’, na vorta ve fate liscia’, nantra vorta ve fate coccola’: insomma trovate sempre quarche anima bona che se pija cura de voi e fregate tutti quanti.

Sor Gregorio: (sempre più lamentoso) Eh sì, Sora Giulia è tanto bona, è proprio bona bona!

(Nel frattempo la Sora Giulia ha smesso di massaggiare e riprende in mano il lavoro dicendo)

Sora Giulia: A sor Grego’, io nun so molto resistente e me so già stancata, me dispiace de nun potevvelo fa a lungo er massaggio, ma la questione è che puro io ciò ‘n inconveniente a sto braccio. Defatti quanno lo strapazzo un po’ troppo, me se intorcina er nervo che sta drento e me fa vede le stelle. Insomma come dicheno le persone istruite, me ce pija er crampo! – Comunque quello c’ho potuto fa l’ho fatto, ora ve potete sta un po’ tranquillo, sempre se potete!

(Nel frattempo il sor Gregorio si è addormentato e si sente russare rumorosamente).

Sora Giulia: – Ah s’è addormito, meno male! Chissà perché puro che semo tutti vecchi e acciaccati qua drento, e li mali li dovressimo capi’ mejo de quelli che nun cianno gnente, puro ce danno fastidio a senti’ ste lagne. (Indicando sor Gregorio) Sto sor Gregorio poi è na pizza de gnente! Comincia la matina e finisce la sera quanno s’addorme e a meno che de pomeriggio nun se fa ‘na pennichella, te senti sempre er lamento suo rintrona’ pe’ tutto l’ospizio, che te fa ferma’ la diggestione se hai magnato, e se devi ancora magna’ te leva l’appetito! – A sor Cesare, e com’è che state tanto zitto stamatina? La lingua che ve fosse cascata?

Sor Cesare: Ve doveveno casca’ le mano a voi, quanno che avete fatto er massaggio ar sor Gregorio, quello è un vecchio, che per quanto vecchio e malandato, ancora ciavrebbe voja de marciacce! – Co’ tutte quelle lagne che fa buschera tutti, specie le donne com’a voi che se fanno buschera’!

Sora Giulia (irritata): A Sor Ce’, e voi m’avete scocciato co sta gelosia! E scusate, ma io ciò avuto mi marito che m’ha rotto l’anima pe’ tutta na vita e mo’ che credevo da riposamme un po’ perché pace all’anima sua, se n’è annato all’arberi pizzuti, ora ve ce mettete puro voi? – Ma io so libera sa, libera e indipennente e posso massaggia’ a chi me pare e voi nun me dovete scoccià più, pe’ ste cose, se volete esse amico mio, (pausa): amico pe conoscenza, s’intenne, mica de artro, salv’ognuno!

Sor Cesare: – Scusate sora Giu’, è che io so de temperamento geloso e me scordo sempre che so’ vecchio e a ste cose li vecchi nun ce deveno più penza’. Ma che volete, er core nun invecchia mai! – Certo, sora Giulia mia, che voi gli ottant’anni vostri ve li portate assai bene e io co voi ce la farei davero ‘na sciocchezza!

Sora Giulia: (Pronta) A Sor Ce’, e giusto ‘na sciocchezza ce potrebbe uscì fora! – Ricordateve sempre che sete sulla ottantina puro voi e a ottant’anni se sarva giusto quarcuno che s’è ibernato! Ma voi sta cura nun l’avete mica fatta e allora a quest’ora sarete bello che rammollito! ah! ah! ah!: (ride) – Ma non ve la prennete, io dico pane ar pane e vino ar vino, nun so esse ipocrita e a costo da offenne, devo di’ quello che penzo: che ce posso fa’, so’ fatta così!

Sor Cesare: Me piacete lo stesso, sora Giu’, e nun m’offenno mai quanno parlate voi, perché v’ho capito che nun lo dite pe’ cattiveria e ve rimango sempre affezionato, anche se a vorte ce resto un po’ male!

Sora Giulia: Allora nun ve la sete presa sor Ce’?

Sor Cesare: Amichi come prima, sora Giu’.

(nel frattempo si sveglia sor Gregorio rumorosamente)

Sora Giulia: Mo’ speriamo che non ricomincia a lamentasse! Nun me va propio de sentillo. (Lungo lamento del sor Gregorio) – Ariecchelo! Manco ho fatto in tempo a dillo, aho!

Sor Gregorio: La dormita pare che m’ha fatto bene, me sento un po’ più mejo, sarà stato pe quer massaggio che m’avete fatto voi, sora Giu’!

Sor Cesare: (ironico) Che volete che ve ne faccia ‘n antro?

Sor Gregorio: Eh! Magari, sor Cesare mio, magari! La Sora Giulia cià propio le mano sante! So’ un tocca sana quele mano, apposta ho riposato un po’! Grazie tante sora Giù, grazie tante!

Sora Giulia: Gnente, pe carità, quanno se po fa un piacere io lo faccio sempre volentieri, un po’ de umanità ce vole, sennò se nun s’aiutamo fra de noi! – So contenta che v’è servito a favve riposa’ un po‘. (Rivolta al pubblico): Così se semo riposati li timpani puro noi!

C’è un attimo di silenzio, sora Giulia lavora a maglia, il sor Cesare fuma la pipa e il sor Gregorio guarda gli alberi del parco, come per trovare un’ispirazione, poi improvvisamente caccia un urlo forte e ricomincia col solito lamento. Gli altri due fanno un salto spaventati.

Sor Cesare: Aho! Ma che ve sete impazzito? E voi ce fate pija ‘na sincope! Che maniere so’ queste! Che se fa così? – Chiederò da esse trasferito in un artro ospizio perché non ce la faccio più a sopportavve! Io so venuto qua drento pe riposamme, mica pe famme veni’ l’esaurimento nervoso.

Sor Gregorio: Me dovete scusà, ma è successo che me so trattenuto pe’ cinque minuti a nun lamentamme e questo è er lamento arretrato. Apposta è uscito tanto forte!

Sor Cesare: Mmorammazzato! Puro l’arretrati dovemio sentì aho!, Nun basteno li lamenti giornalieri, puro l’arretrati! Ma io non ne posso propio più e mo me ne vado, sennò faccio ‘na carneficina! Me vojo chiude drento la stanza mia, me vojo chiude, e vojo tappa’ porta e finestra co’ la speranza de nun sentivve più, perché se ve sento ‘n antro po’, me deveno trasferi’ ar manicomio! – Arivederci sora Giu’, e bon ascolto!

Sora Giulia: Se vedemio sor Ce’. (Poi rivolta verso il pubblico dice): Certo che sto Sor Gregorio è davero ‘no strazio senza rimedio!

Sor Gregorio: (Appena si accorge di essere rimasto solo con la sora Giulia, le se avvicina proprio con l’intenzione di “marciarci” e le dice) – Sora Giu’, io me sento tanto solo!

Sora Giulia: (Un po’ seccata) A sor Gregò, qua drento semo tutti soli e stamo qua pe’ questo: propio pe facce compagnia!

Sor Gregorio: Ma io vojo sta solo co’ voi, de tutti st’artri ruderi nun me ne frega gnente! – Mo ve faccio na confidenza, se nun v’arabbiate!

Sora Giulia: (Incuriosita) Dite dite.

Sor Gregorio: Io da quanno che sete venuta voi qua drento non vivo più tranquillo e me lamento sempre: mica pe’ li dolori, che so’ immagginari, ma pel dispiacere de non potevve sta sempre vicino come vorebbe, magari solo pe’ famme fa compagnia. Li dolori so stati tutta n’invenzione mia pe attira’ l’attenzione vostra perché ve vojo troppo bene, sora Giu’! (Intanto così dicendo, si avvicina audacissimo ed eccitatissimo alla sora Giulia e continua a parlare) io mica so’ zoppo sa, pure questa è stata un’idea geniale mia pe’ famme compati’ da voi e famme fa compagnia! Ma io so sano sa, propio come un pesce! – Vedete come cammino bene?- Io so’ un grillo, sora Giu’ e v’assicuro che so’ ancora bono!

Sora Giulia: (sarcastica) A fa er sapone sete bono! – Ah! è così allora eh! – Li dolori, li lamenti, er dolore de panza, de schina, ‘n accidenti che ve spacca! Ereno tutte invenzioni vostre pe’ attira’ l’attenzione mia eh? – – E bravo er sor Gregorio! E questo è come dire che la Sora Giulia è stata buscherata da un vecchio rimbambito com’a voi.

Sor Gregorio: (Cercando di calmarla) Ma io ho fatto tutta sta manfrina pe voi sora Giu’, perché ve vojo bene: e poi che ve devo dì: io so stato sempre sensibbile alle belle donne, puro quanno ero giovine e come se dice, er lupo perde er pelo, ma mica er vizio!

Sora Giulia: (Imbestialita) Ah! perde solo er pelo er lupo eh!? Er vizio no eh!? E allora c’aveva raggione er sor Cesare, quanno diceva che sete un vecchio marcione.

Sor Gregorio: Ma io ripeto che ho fatto tutto questo pe affezzione a voi e poi, avevo penzato che puro voi ciavevate un debbole pe’ me, perché ce mettevate tanta cura a massaggiamme la schina!!

Sora Giulia: (Fuori dalla grazia di Dio) A Sor coso! A vecchio rimpresciuttito! Ringalluzzito e rincojonito! Ma come ve permettete de insinua’ na cosa de sto genere? Io v’ho fatto er piacere de favve er massaggio, pe’ via che me facevate pena e poi dovete tene’ sempre presente, che la sora Giulia ce l’ha avuto un debbole in gioventù, è vero, ma solo pe’ su marito e pe’ nissun antro, avete capito? Sto morammazzato! -Te le do io le invenzioni! le idee geniali! – tiè! Tiè! – (E così dicendo lo picchia).

(Attirato dalle urla dei due, arriva il sor Cesare e ridendo dice):

Ah, l’avete beccata la sveja eh?

Sor Gregorio: (Accasciato sulla panchina, appena sente le parole del sor Cesare, cerca di darsi un contegno. Si aggiusta un poco e poi risponde):

E chi se ne frega sor Ce’, mica po’ anna’ sempre bene!

 

(Tratto dal mio libro “Un guazzabuglio” – Casa editrice Bastogilibri)

Devi essere collegato per poter inserire un commento.