Viaggi

Viaggi e altri viaggi…

Segnalato dalla Redazione

 

Dalla rubrica settimanale che Enzo Bianchi (*) tiene su la Repubblica del lunedì, pubblichiamo queste considerazioni sul viaggio, un tema che più volte abbiamo trattato sul sito.

Il segreto del viaggio
di Enzo Bianchi

Stiamo lasciando alle nostre spalle la pandemia che ci ha tenuto in cattività per più di un anno e abbiamo soprattutto in noi un desiderio prepotente di viaggiare. Si aprono davanti a molti di noi i mesi nei quali si va in vacanza e ci apprestiamo a “partire” distaccandoci dal quotidiano, dal lavoro, dalla dimora abituale. C’è molta fretta… eppure per fare un viaggio vero e fecondo occorre prendersi del tempo e non avere paura della lentezza. Viaggiare richiede la consapevolezza del movimento che si fa, non può essere una corsa, e occorre porre l’accento sul fare strada, per poter vedere e sentire e gustare ciò che è buono e bello e ciò che è brutto e cattivo. “Camminando si apre cammino”, secondo la straordinaria espressione di Antonio Machado (caminante, no hay 
camino, 
se hace camino al andar – leggi qui).
Un vero viaggio ha origine misteriosamente nella nostra psiche, dove si accende la curiosità grazie a diversi impulsi: una parola, un’immagine, un ricordo, un amore, un profumo… Allora nasce il desiderio di partire, si decide e si progetta il viaggio: da soli, per gustare nella solitudine ciò che il viaggio può riservare a chi lo intraprende, o con altri, per vivere insieme emozioni e avventure. Ma è importante, viaggiando, lasciare posto al non-atteso, alla sorpresa, all’incontro con qualcuno che ci fa modificare l’itinerario. Anche se c’è una meta da raggiungere, il viaggiare è più importante della meta. Il bagaglio deve essere ridotto al minimo, leggero, essenziale, disponendosi così ad accogliere ciò che viene offerto dai luoghi in cui viaggiamo. Chi vuole portare con sé troppe cose del suo quotidiano non viaggerà mai bene, come la lumaca che porta con sé la propria casa.

Nel viaggio si incontrano contraddizioni, incidenti, e non tutto va come avevamo previsto, ma queste situazioni stimolano creatività, spirito di adattamento, perseveranza. Ciò che nel viaggio è più importante sono le emozioni diverse dal solito: meraviglia, scoperta, incontri con sconosciuti, incanti, contemplazioni. Nulla si ripete, nella memoria accumuliamo immagini e suoni che non ci lasceranno più e che dal profondo del cuore risorgeranno quando, ad anni di distanza, soprattutto da vecchi, ricorderemo quel viaggio.
Se si è attenti e vigilanti viaggiare diventa un incontro con il mondo.
Non è solo guardare, ma è immergersi negli odori, intersecare suoni e grida, mangiare e gustare il mondo. Viaggiare è esercizio di sensualità, perché un corpo che si muove tra i corpi è l’occhio che incontra la luce, è l’orecchio che percepisce la collocazione dell’altro, è il tatto che sente il freddo o il caldo, mentre i piedi toccano la terra in una relazione viva, in una sensazione mai uguale, di cui non restano tracce.

Sempre ai giovani dico come consiglio: partite, viaggiate, non abbiate paura e mantenete leggero il vostro bagaglio, così potrete andare lontano. D’altronde mio padre mi diceva: «Fa’ la fame ma viaggia e compra dei libri!».
Nella consapevolezza che ogni viaggio, se è vissuto con intelligenza, è un libro della biblioteca della vita.

(*) – L’autore Enzo Bianchi, 78 anni, saggista e monaco laico, ha fondato la Comunità monastica di Bose in Piemonte

[Da la Repubblica del 14 giugno 2021]

 

1 Comment

1 Comment

  1. Sandro Russo

    17 Giugno 2021 at 16:09

    Un commento che ho scelto di condividere, perfetto per questo pezzo, l’ho trovato per caso sul giornale di ieri, letto oggi.
    E’ in un’intervista di Antonio Monda a Claire Messud, scrittrice americana di origini algerine (un’infanzia in Canada e in Australia) [New York Review of Books l’ha definita “un talento impressionante”].
    In exergo al suo primo libro “Quando tutto era in ordine” (del 1995: When the World Was Steady), riedito in questi giorni da Bollati-Boringhieri, la scrittrice pone una citazione da Elisabeth Bishop (1911-1979) [e qui si apre tutto un altro mondo…]:
    “E’ la mancanza di immaginazione a spingerci nei luoghi immaginati, anziché restare a casa? E se Pascal sbagliasse, a dire di starsene buoni buoni nella propria stanza?”

È necessario effettuare il Login per commentare: Login

Leave a Reply

To Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: