Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Io non pulisco: preferisco non sporcare

di Silverio Guarino

.

Questa è la vera ed unica politica da seguire per migliorare la qualità del nostro pianeta e dell’amato scoglio.
In considerazione dell’esiguità dei volontari delle varie associazioni che si immolano nel vano tentativo di pulire il mondo, molto meglio sarebbe se quella enorme quantità di iniqui sporcaccioni perdesse la innata predisposizione a sporcare, per non far poi pulire invano i poveri disperati pulitori.
Meglio quindi non sporcare piuttosto che pulire. Con l’esempio e con la perseveranza di chi, lentamente ma continuamente, cerca di non sporcare piuttosto che pulire.

Io personalmente faccio parte dei “non pulitori” perché il mio stile di vita è quello dei “non sporcaccioni” e sono molti quelli che la pensano e che si comportano come me.
Ma potrebbero esserlo anche tutti gli abitanti e i visitatori della nostra isola, ai quali ultimi si potrebbe anche fornire un piccolo vademecum da consegnare al loro approdo sull’isola, insieme al biglietto di viaggio e al benvenuto.
Come dire che prevenire è meglio che curare: non sporcare è meglio che pulire.

Se ci pensate bene costa molto meno fatica, non ci si sporcano le mani e i vestiti e non si deve piegare la schiena per raccogliere i rifiuti.
Tutti dobbiamo vigilare affinché ciò possa avvenire sempre. Nel caso dell’amato scoglio l’Amministrazione si prodigherà con l’aiuto dei “non sporcaccioni” a raccogliere i rifiuti e a smaltirli rapidamente, così da non lasciare spazio a scuse o a lagnanze.

Non sporcare né sull’amato scoglio, né in mare (dove si vede meno lo sporco per la profondità delle acque che tutto ingoiano, tranne quello che galleggia).
Proviamoci tutti, da subito.
Come quando si decide di smettere di fumare.
Si può.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.