Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Una canzone per la domenica (142). Non ho paura

Proposta da Silveria Aroma

.

Da qualche tempo sull’isola vive e lavora un giovane postino, Pasquale.
La sua passione? Cantare.
Allora diamogli spazio per farsi conoscere con una breve nota scritta sulla sua band, e ancor di più attraverso una canzone…

“Il gruppo RaffxPass nasce dalla collaborazione tra Pasquale Labate e Raffaele De Marco, rispettivamente classe ‘94 e ‘91. Dopo essersi conosciuti nelle periferie romane, danno vita ad una grande amicizia seguita dalla passione viscerale per la scrittura e in particolare per la musica. Dopo due anni di live in giro tra i locali del litorale romano, e dopo aver incluso nel gruppo Salvatore Piccirillo, anche lui classe 1994 (in arte Pitchy), musicista, produttore e regista, e Ralph, tecnico del suono. Insieme iniziano a lavorare al loro primo disco “Maktub”, che in arabo significa “È già scritto”.

Non ho paura è una tappa fondamentale del disco, e prende forma nel video uscito il 21 aprile 2021 sul loro canale YouTube ufficiale.
La consapevolezza del poter fallire accompagna la forza insita in ognuno di noi. La paura di non farcela o di non essere all’altezza si trasforma in un atto di fede. Buona visione”.

.

.

Passo dopo passo
passo dopo passo
ho radunato tutte le mie forze
e sono giunto al largo,
volevo solo farmi un bagno
mentre mi danno del codardo
Passo dopo passo, uno in fila all’altro,
sterili polemiche che chiudo col compasso,
mi sa che devo farmi il mazzo,
volevo solo farmi un bagno!
Non capisco chi dice
che non si sente felice,
per ogni cento fatiche raccoglie zero pepite
Se parlo piano dite, non udite,
però se strillo mi sentite
ma comunque non capite
Poi mi definite pazzo e non capite
che io passo dopo passo
Ho consumato le matite su ogni pezzo,
al fine d’essere diverso,
solo per scrivere un senso,
per mettere nero su bianco quello che penso
È l’immenso! È lì in mezzo che voglio stare,
se poi mi perdo forse è meglio nel temporale
se fuori è buio è perché dentro c’è un carnevale
tanto vale correre come
quando la sabbia brucia
ma tu guardi il mare!

Non ho paura, io non ho paura
Sono pronto per la guerra
ed ho un cazzo di armatura!

Passo dopo passo
ho preso il tempo tolto ma per fare spazio,
ho rinnegato me ed ho preso più coraggio
per ritrovare il senso di ogni passo falso fatto
Ho fatto tutto di ciò che dovevo, forse
fisso le foto al muro, le guardo ma sono mosse
come fossero vive, come a dire forse
tu fissa l’obiettivo e corri oltre
che lo scatto sta nelle rincorse!
Io corro forte ho lo zaino colmo di forze,
La vita mia nelle strofe in codice morse
Se la penna è chiave per tutte le porte,
è cura per tutte le botte,
arriveremo al sole viaggiando di notte
Tu mantieni con me e saremo altrove,
sdraiati sulle note giù con Salvatore,
Io non ho paura come Salvadores, Sissignore!
Noi cresciuti nel nulla, nei “no che non duole”! Ho disegnato un mondo ma ho perso le prove
in nome del silenzio di chi tace perché vuole
Ho perso il sonno e mai la direzione!
Il cielo cambierà colore per natura,
il vento asciugherà l’inchiostro
per la mia armatura e non avrò paura!
Ho il successo in una penna, ma lo sfioro appena!
La pena? Sostenere il vero, con i mal di schiena
E certo!
La strada è lunga
E accetto la vita come un dono, il suono come luce è tempo
Di penne su di un plettro e versi tra le tempie
Perle sparse in mare aperto, briciole di stelle
Dare più di quanto serve
Ridere del niente è dura
Poi la pace quanto dura?
Muta me e la mia natura
Giuro non avrò paura!

 

Il loro prossimo video sarà ambientato a Ponza.
In bocca al lupo, ragazzi!
(Viva il lupo!)

Devi essere collegato per poter inserire un commento.