Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Balena grigia, l’opinione del biologo marino Adriano Madonna

Segnalato da Adriano Madonna e proposto dalla Redazione

 

Sono giorni che i media si stanno interessando dell’inatteso passaggio nelle nostre acque di un esemplare di balena grigia. Dopo essere stato avvistato – prima volta in Italia –  a Ponza nella baia di Frontone, il navigare di questo raro cetaceo è proseguito per il Golfo di Napoli e Sorrento. Ieri è ritornato dalle nostre parti apparendo nel Golfo di Gaeta.
Delle caratteristiche e delle abitudini di questo cetaceo si stanno interessando, come era ovvio, i biologi e, trovandoci a Gaeta, non poteva mancare il contributo del professore Adriano Madonna.

Da Lazio Tv.it del 20 aprile 2021: Gaeta: dopo Ponza e Napoli la balena grigia è nel Golfo (Video) 
di Franco Cairo

Dopo gli avvistamenti nelle acque dell’isola di Ponza e poi nelle acque del golfo di Napoli, qualcuno giura di averla avvistata nelle scorse ore nel golfo di Gaeta.

Ancora una volta la balena grigia torna a far parlare l’informazione nazionale. Tutto fa pensare che si possa trattare dello stesso esemplare, che a quanto pare gode di buona salute vista la rapidità negli spostamenti. La presenza inusuale del cetaceo nelle acque del mar Tirreno ha mobilitato un po’ tutti.

Il professor Adriano Madonna, biologo marino, propone di costituire un comitato al fine di seguirne gli spostamenti e allo stesso tempo di accertarne le condizioni di salute. È diventata un’attrattiva, ma cerchiamo di non considerarla un sorta di giocattolo, dice, un cartone animato con cui divertirci.

Questa specie che normalmente vive nel Nord Pacifico, ad un passo dal Circolo Polare Artico, attualmente nelle nostre acque, si trova in un ambiente che non è il suo.

Vogliamo aiutarla e ce la metteremo tutta. Il nostro sogno nel cassetto sarebbe quello di riaccompagnarla nel suo mare, ma l’impresa è difficile, se non addirittura impossibile.
In un secondo momento, quando si sarà ambientata e sarà ben nutrita, si prenderà in considerazione l’ipotesi di riaccompagnarla a casa.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.