Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Una foto racconta (23). Primavera ’21

di Silveria Aroma

.

Rosso timido, compare sulla terra ancora fredda il primo accenno di primavera, delicato papavero apre la danza che eterna si ripete

Di viola, bianco e giallo si susseguono fioriture di viole odorose nella notte al passaggio, di fresie, di giaggioli, di malva, di vinca e acetosella…

E via via sempre più intensi colori e profumi, piccole farfalle pioniere e luce che cresce sul mare.

 

Nota della Redazione:
Una foto può essere un contenitore di ricordi, emozioni, momenti di vita.
Ne hai da condividere con noi? Per come fare leggi
“Raccontalo con una foto“

3 commenti per Una foto racconta (23). Primavera ’21

  • Luisa Guarino

    Finalmente una serie di foto che raccontano l’oggi, bellissimo, ricco di colori e splendidi presagi: quell’hic et nunc che più ci piace. Niente ricordi, nostalgia, rimpianti, ma emozioni e momenti di vita, sempre: una primavera tutta da vivere, che con queste premesse non potrà che essere meravigliosa, la più bella di sempre. Grazie, Silveria.

  • Emilio Iodice

    Cara Silveria: questo bellissimo saggio e le foto fanno emergere la speranza della primavera, del risveglio e dell’amore e della gioia che la natura ci dà e che è gratuita.

    Mi ricorda la canzone di Domenico Modugno: “Meraviglioso.”

    Grazie.Emilio

    https://www.youtube.com/watch?v=t8XBa_LQ7zc

  • Mi avete contagiato.
    La primavera è rinascita ma dobbiamo avere la fiducia del contadino oppure dell’uomo innamorato.

    https://www.youtube.com/watch?app=desktop&v=qj7jvvq25ys

    E solcherò il tuo corpo

    Come se fosse terra

    Cancellerò quei segni

    Dell’ultima tua guerra

    E brucerò col fuoco

    Quest’erba tua cattiva

    E ti farò con l’acqua

    Più fertile e più viva

    E pregherò che il sole

    Asciughi questo pianto

    E pregherò che il tempo

    Guarisca le ferite

    Poi costruirò una serra

    Intorno al tuo sorriso

    Farò della tua vita

    Un altro paradiso

    Sarò il tuo contadino

    E tu la terra mia

    Combatterò col vento

    Che non ti porti via

    Poi spargerò il mio seme

    Nella tua verde valle

    E aspetteremo insieme

    Che venga primavera

    Che venga primavera

Devi essere collegato per poter inserire un commento.