Covid

Ponza e Ventotene: si vaccina tutta la popolazione

la Redazione

 

E’ di poche ore fa la notizia, da fonte certa, che

la Regione Lazio ha deciso di vaccinare tutta la popolazione

delle due isole: Ponza e Ventotene.

I dettagli dell’intervento saranno resi pubblici insieme agli atti ufficiali.

E’ una buona notizia per la nostra gente che finalmente potrà ritornare ad una vita di normalità e di serenità.

E’ un augurio per tutta l’Italia che per poter ripartire e ridare speranza ai suoi cittadini deve vedere finita questa sciagurata pandemia.

E’ d’obbligo ringraziare le istituzioni regionali – primo fra tutti il presidente Zingaretti – che hanno raccolto l’invito dei rappresentanti delle comunità locali; i sindaci di Ponza e di Ventotene.

 

3 Comments

3 Comments

  1. la Redazione

    6 Aprile 2021 at 11:46

    Circa un mese fa quando abbiamo dato la notizia, che circolava allora, della vaccinazione di massa sulle isole di Ponza e Ventotene, sembrava che da lì a qualche giorno venissero forniti dalle istituzioni ufficiali (ASL, Regione, Comune…) programmi e istruzioni per come procedere.
    Notiamo invece a tutt’oggi, salvo nostra disinformazione, un gran silenzio mentre la stagione si avvicina e c’è qualcuno che giustamente si sta premunendo di vaccinarsi fuori dell’isola.
    E’ così su tutte le piccole isole? Non sembra se a Capri, a quanto annuncia il Messaggero, dal 3 aprile scorso hanno cominciato a vaccinare tutti i residenti da 16 anni in su.
    Gli interrogativi e le perplessità che esterna Silverio Lamonica (vedi commento all’articolo di Franco De Luca “Vaccino anti Covid“) sono condivisibili e mai come in questo momento, di incertezze ma anche di aspettative, è necessaria una continua, documentata ed efficace informazione da parte degli amministratori.
    Per non alimentare ulteriormente il disorientamento e i dubbi di chi sull’isola attende fiducioso.

  2. vincenzo

    6 Aprile 2021 at 16:56

    L’assessore Michele Nocerino si lamenta perché tutto è fermo e Ponza é considerata di serie B.

    “Condivido la mia intervista rilasciata a Radio Show Italia 103e5 che lamenta l’assenza totale dell’Asl e della Regione Lazio sul piano vaccinale per Ponza.

    Lunedì primo marzo il nostro Sindaco ci convocava in “alta uniforme” per ricevere l’Assessore Regionale della Sanità Lazio Alessio D’Amato.

    Peccato che all’arrivo della motovedetta della GDF sbarcarono solo dei reporter di Sky tg 24 ed il direttore del Dipartimento territoriale Asl del nostro distretto Dott. Loreto Bevilacqua con alcuni suoi collaboratori.

    L’assenza dell’Assessore D’Amato, senza nessun preavviso, mi ha lasciato da subito peritoso e sfiduciato su quanto potessero accogliere la nostra richiesta di una vaccinazione di massa prima dell’imminente stagione estiva (come stanno facendo in quasi tutte le isole turistiche).

    Ad oggi l’unica risposta alla nostra richiesta è l’assenza, il silenzio, con la beffa che in tutto il Lazio stanno continuando con il piano vaccinale procedendo con il criterio della fascia di età.

    Come rimarcato nella mia intervista vorrei ricordare che siamo cittadini italiani e del Lazio.

    Ps – Spero che non si siano confusi come nell’ultima Borsa internazionale del turismo, dove nello stand del Lazio vi era la pubblicità di Procida al posto di Ponza”.

    https://fb.watch/4H7iFQ4hgU/

  3. silverio lamonica1

    6 Aprile 2021 at 17:11

    Frequentando Facebook, mi è capitato di sentile (e leggere) l’intervista dell’assessore Nocerino a Radio Show Italia 103e5 (sarebbe opportuno che fosse inserita alla base dell’articolo che sto commentando, in modo da rendere più comprensibili le mie osservazioni).

    L’assessore fa riferimento alla richiesta di Ponza (e Ventotene) di vaccinare “in loco” tutta la popolazione.

    Ma, una volta vaccinati gli ultraottantenni e qualche categoria più esposta: insegnanti e forze dell’ordine, da circa un mese non si sa più nulla per cui tutto tace.

    Ieri l’assessore Nocerino ha rilasciato tale intervista.

    Però a questo punto sorge spontanea una domanda: “Cari Amministratori, dopo una decina di giorni di silenzio (dal completamento vaccinale degli ultraottantenni) avete inviato una lettera di sollecito – protocollata – a ASL Latina, Assessore Regionale alla Sanità e al Prefetto (per conoscenza) per sollecitare quanto promesso?

    Magari ci sarebbe stata una risposta con annesse “difficoltà e imprevisti”.

    Fatto sta che la vaccinazione DEVE avvenire a PONZA per TUTTI I PONZESI IVI PRESENTI. E’ inconcepibile che i ponzesi debbano spendere soldi di viaggio, soggiorno e pernottamento eventuale a Terracina o altrove, quando la vaccinazione è gratuita.

    Io mi auguro che presto gli organismi preposti forniscano spiegazioni.

    Invito infine i miei amici di Facebook di non buttarla in caciara, in un ping pong tra fan di maggioranza e opposizione: non ne vale assolutamente la pena, siamo tutti sulla stessa barca e se ci azzuffiamo, rischiamo di farla ondeggiare e affondare.

È necessario effettuare il Login per commentare: Login

Leave a Reply

To Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: