Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

La poltrona del dialetto (37). Deceva zezi’…

di Francesco De Luca

.

Quando la poltrona non dà comodità anche la poesia ne risente.

Deceva zezi’ (1)

Quanta rraglia (2) ca tenimmo:
vulimmo rispetto
comme si ce spettasse p’eredità ‘i nascita.
‘Nte dico po’ si mettimmo ammiezzo ‘u portafoglio…
Allora ‘nce sta parentela,
‘nce sta vecenanza…
faccio chello ca me pare
tanto m’u pozzo permette,
e si faie storie
te chiammo ‘ncausa
…l’avvocato ‘u tengo ‘mbusta paga.
Accussì… ‘u ciardino è recintato,
‘a curteglia tene ‘u catenaccio,
‘a pescina è chiusa c’a catena,
‘u passaggio in comune è ‘na iastemma tutt’ i vote.
Quatte iatte simme rimaste
e tutt’ e quatte
pretenziose, sufustiche, perfediose (3).
Ce simme libberate da i padrune
e ce sentimmo signure.
Senza valore però
pecché chillo ‘u ddà
‘a generosità,
‘a crianza,
‘a semplicità

Zezi’ deceva:
pure ‘a Reggina
tenette bisogno d’a vicina.

 

Note: 1 – zia; 2 – alterigia- 3 – con perfidia

Questa la versione recitata

Devi essere collegato per poter inserire un commento.