Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Ponzaracconta è come un bel vascello…

di Silverio Lamonica

.

Il VII Centenario di Dante Alighieri, mi ha “ispirato” il seguente sonetto che dedico a Ponzaracconta e alla sua “ciurma”.
Come appare evidente, “ricalca” i versi: “Guido i vorrei che tu e Lapo ed io / fossimo presi per incantamento / e messi in un vasel ch’ad ogni vento / per mare andasse a voler vostro e mio”

Insomma è anche un modo per omaggiare il Sommo Vate, sperando che non se l’abbia a male.

Ponza racconta è come un bel vascello
su cui viaggiamo per incantamento,
spiega le vele Sandro ad ogni vento
e Antonio da maestro lo fa bello. 

Di Enzo ne son due e c’è Vitiello,
Giuseppe ed Alessandro in ogni evento
sui vari scritti e il tempo pongon l’accento,
mettendo in rilievo questo e quello.

Monna Luisa che dirige il tutto,
lungi da Dante, solo in Mozambico,
con Rosanna e Silveria porge il frutto

a tutti noi lettori e non vi dico
con quanta cura in ogni lor costrutto
ben si cimenta questo e quell’amico.

2 commenti per Ponzaracconta è come un bel vascello…

  • la Redazione

    Un grazie sincero a Silverio per questo sfizioso sonetto. Sapere, poi, che ad ispirarlo sia stato addirittura Dante ci onora ancora di più. Speriamo di durare ancora per tanti anni e di annoverare presto tra le nostre file qualche giovane in modo da assicurare continuità al sito nel rinnovamento

  • Luisa Guarino

    Ringrazio infinitamente Silverio per questo suo delizioso componimento. Vorrei però precisare che Dante, non l’Alighieri ma quello mio, per fortuna non sta sempre “solo in Mozambico”. Ogni tanto torna in Italia, e se la situazioni si normalizzerà, conto di poter tornare a mia volta a viaggiare nella sua direzione. Poi un piccolo appunto all’amico Lamonica: perché ha anteposto tutto il gruppo maschile a noi, sparuta rappresentanza femminile? So già cosa risponderà: dulcis in fundo, oppure: beate le ultime, o ancora: questione di rima. Vabbè, diamogliela per buona.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.