Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Ricordare… per non dimenticare

a cura della Redazione

 

Ricordare… per non dimenticare.

Ricordare, per non dimenticare cosa sono state la tragedia della deportazione nei campi di concentramento, la persecuzione razziale e politica, la limitazione dei diritti della persona per via delle misure messe in atto dal regime nazista del Terzo Reich e dai loro alleati tra il 1933 e il 1945.

Ricordare soprattutto per i giovani e, per quanto possibile, anche tra i banchi di scuola, nonostante le distanze fisiche imposte da questo nostro tempo, sconvolto dalla pandemia da Covid-19, stiano minando la partecipazione agli incontri e lo scambio di pensieri e parole.

Ricordare per non dimenticare ascoltando i testimoni, ancora tra di noi, di quella immensa tragedia: Liliana Segre, simbolo della Memoria collettiva italiana, le sorelle Bucci, Edith Bruck, Sami Modiano e i pochi altri.

Ricordare con dei libri come farà oggi il Sistema Bibliotecario Sud pontino in collaborazione con l’Associazione Culturale “Il sogno di Ulisse” attraverso l’incontro da remoto tra le scuole dei comuni che ne fanno parte e gli autori del libro “La bambina e il nazista Franco Forte e Scilla Bonfiglioli.
Lo riporta il quotidiano on line tempo reale info con l’articolo Sud Pontino/Giornata della memoria: Sistema bibliotecario presenta il libro “La Bambina e il nazista”

“Gli autori Ispirandosi a fatti drammatici quanto reali, Franco Forte e Scilla Bonfiglioli ci trasportano nelle tenebre profondissime di una pagina di Storia che non si può e non si deve dimenticare – soprattutto oggi – mostrando però che persino nella notte più nera possono accendersi luci di speranza, a patto di vincere le nostre ipocrisie e lasciarci guidare dall’unica che ci accomuna tutti: la nostra umanità.”


11 le biblioteche coinvolte che si trovano nei Comuni di Campodimele, Castelforte, Fondi, Formia, Gaeta, Itri, Lenola, Monte San Biagio, Santi Cosma e Damiano, Terracina, Ventotene.
Ci avrebbe fatto piacere vedere tra i comuni presenti anche il nostro ma… senza biblioteca è forse un’occasione in meno per ricordare e una distanza in più, dalla cultura, da colmare.

Intanto, prendendo spunto da un altro articolo, questa volta del fatto quotidiano di ieri, troviamo opportuno segnalare alcuni libri utili a spiegare la Shoah ai bambini

“Capire la Shoah non è facile ma va fatto, soprattutto con i bambini e i ragazzi. Il passaggio del testimone ai più giovani è la preoccupazione dei deportati sopravvissuti ai campi di sterminio che da anni sono impegnati negli incontri nelle scuole. Ma a dare una mano agli insegnanti e ai genitori che vogliono spiegare la più grande tragedia del Novecento ci pensano anche i libri. Ogni anno le case editrici, in occasione della Giornata della memoria, pubblicano nuovi testi che arricchiscono le nostre biblioteche. Alle novità si uniscono i “classici”: quei libri che non si può fare a meno di avere a scuola o in casa per fare memoria. Il fattoquotidiano.it ne ha selezionati dieci tra “nuovi” e “vecchi” adatti ad ogni età.”

Ecco i titoli:
– “Fuori c’è la guerra”, di Janny van der Molen – Einaudi ragazzi
“Patria. Crescere in tempo di guerra”, di Bruna Martini – Edizioni Becco Giallo
“Prof. Che cos’è la Shoah?”, di Frediano Sessi – Einaudi ragazzi
“Il giardino dei giusti”, di Daniele Aristarco – Einaudi ragazzi
“Olocausto. Storie di sopravvissuti”, di Zane Whittingham, Ryan Fones – Valentina Edizioni
“Il giorno della memoria raccontato ai miei nipoti”, di Lia Levi – Piemme
“Diario”, di Anne Frank – Einaudi
“Fino a quando la mia stella brillerà”, di Liliana Segre con Daniela Palumbo – Piemme
“La Shoah spiegata ai bambini”, di Paola Valentini e Chiara Abbastinotti – Becco Giallo
“Il gelataio Tirelli”, di Tamar Meir – Edizioni Gallucci

Non dimentichiamolo mai: Ricordare è importante affinché l’orrore degli errori non possa più ripetersi

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.