Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

La poltrona del dialetto (36). Addevaca e sdevaca

di Francesco De Luca

.

La pioggia abbondante di questi ultimi giorni costringe in casa. La mancanza di movimento incrementa la pigrizia. Questa si bea della poltrona. Il dialetto allora prende vigore e si attarda in particolari, evidenzia similitudini e individua pieghe di ipocrisia.

 

Addevaca e sdevaca (1)

Chesta è ll’ opera ca fa ll’ acqua a zzeffunno (2):
addevaca e sdevaca.
Ienche  i  pescine (3)
e quanno l’ acqua è troppa
‘a manna fore.

S’ abboffano  i  pescenale (4)
e … quanno è  ncima…
se sdevacano a ppe sule.

Accussì fa pure ‘a chiena ‘i mare:
se spanne ncopp’ i chiane,
fuosse  e  fussetelle  ‘i ghienche
cummoglie  i scoglie,
fino a ncoppo saglie
e po’… scenne
e mette a nnudo  ‘a costa.

Pure  ‘a mente
funziona cu stu strumento.
Assorbe fatte e sentemiente,
ncogne (5) dinto
e po’ …
quanno se ntoppa (6)
se libbera d’ u peso.
Scorda ‘u  ssupierchio (7)
e se move leggera.
Chi ha arrubbato…
esce nu pover’ omme;
chi dice bucie
se cumpatisce;
chi nun rispetta nemmeno ‘u patre
addeventa n’ omme miezzo abbunato (8)
‘A ggente se trova c’ a faccia lavata
e chesto basta pe scurdà ‘u passato.
Se fa finta ca tutti so’ galantomme
e  ‘a falsità cummoglie e cummanna ‘a sucietà.

Ce sta chi stu mbruoglie n’ u supporta;
se ne sta a ppe sulo (9)
e rimane for’ a porta.

Note: 1 – riempie e svuota; 2 – a dirotto; 3 – cisterne; 4 – pozzi; 5 – ammucchia: 6 – si intasa; 7 – il soverchio; 8 – tonto; 9 – da solo.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.