Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Una canzone per la domenica (126). “Fino all’imbrunire” dei Negramaro

Proposta da Franco Zecca

 .

Un testo da manuale di poesia e niente di più attuale. Le parole esprimono il convincimento che dopo una tragedia possano tornare, ed essere vissute, quelle cose e quegli avvenimenti che poi, in fondo, darebbero a tutti buoni frutti e bellezza, ovunque intorno a noi.

In particolare ci si augura il ritorno della persona che si ama, allontanatasi per la paura di affrontare la vita. Più in generale ci si augura il ritorno dei tempi andati, saggi e pieni di buone intenzioni, che auspicano la pratica dell’amore per le persone, per le cose belle, per il mondo che ci circonda. Traspare la speranza di vedere in futuro un cambiamento delle cose, della gente; speranza di scoprire e dare importanza a ciò che è veramente speciale. C’è anche la paura che le cose effettivamente tornino come erano prima, stravolgendo il “normale” andamento attuale e che nessuno sappia più affrontarle nello stesso modo in cui furono vissute nei tempi andati.

Arrangiamento molto energico e travolgente, in contrasto con le parole di avvincente nostalgia.
Propongo due differenti link a YouTube: il primo, solo l’audio con le parole che scorrono su fondo nero:

Vorrei evidenziare l’inserimento della voce di una bambina, Maria Sole Sangiorgi (la nipote di Giuliano Sangiorgi, interprete della canzone con i Negramaro), che ne pronuncia – in parlato – la frase più bella… e i giovani hanno recepito bene ascoltando e mettendo tanti “like” al pezzo: “Torneranno anche gli uccelli, ti diranno come volare, per raggiungere orizzonti al di là del mare”.

Il secondo video da Youtube è quello ufficiale del lancio della canzone nell’ottobre 2017: sebbene suggestivo, in un certo senso limita e indirizza in un senso preciso il significato delle parole, con la citazione di un film di François Ozon del 2009: Ricky – Una storia d’amore e libertà, a sua volta ispirato dal racconto “Moth” (Falena) di Rose Tremain.
La propongo così, insieme agli Auguri, per un inizio soft del Nuovo Anno.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.