Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

La posta dei lettori. I gozzi, la filuga ponzese e gli artisti del mare…

a cura della Redazione

.

Ci arriva sulla posta del sito qualche giorno fa questo messaggio:

Buonasera.
Sono Tommaso Giaquinta, titolare del sito www.artistidelmare.it che vi invito a visitare.
Sto preparando un articolo sui gozzi in cui, tra l’altro, presento anche opere d’arte di Luciano Di Meglio di Ponza. 
Vorrei inserire alcuni disegni e vostre foto della filuga, logicamente facendo riferimento al vostro sito. 
Ve ne chiedo quindi l’autorizzazione.
Cordialmente. 

E’ sempre un piacere per noi di Ponzaracconta costatare che spesso le cose che pubblichiamo destano interesse oltre i confini della nostra isola. Il piacere è ancora maggiore quando a stimolare l’attenzione sono gli argomenti di mare e della nostra tradizione.
Tommaso Giaquinta è un appassionato di arte, architettura e costruzione navale, ma anche  studioso e modellista navale.  Ovviamente gli abbiamo consentito di utilizzare il materiale che ci aveva chiesto in ossequio alla collaborazione/contaminazione, che auspichiamo sempre tra realtà culturali diverse per la loro diffusione pur nel rispetto delle singole peculiarità.
Ci imbattiamo così in www.artistidelmare.it, un interessantissimo sito di cui, nella presentazione, leggiamo:

Artisti del mare è un sito dedicato all’arte navale, alla ritrattistica di navi e imbarcazioni, alle marine, paesaggi marini e subacquei ed al turismo costiero, alla fotografia, alla pittura, ma anche ai modelli, alle sculture, alle collezioni di tutto quanto, da lontano o intimamente costituisca una espressione artistica che abbia un profondo legame col mare, le sue coste, i paesaggi e le imbarcazioni.

Navigandoci dentro scopriamo un sito ricco di dati, informazioni ed immagini legate al mondo del mare e delle costruzioni navali ma anche a quello della marineria dei gozzi e alle passioni che vi sono dietro.
Il sito è bellissimo e vi consigliamo di consultarlo.
Intanto un assaggio… le parti che riguardano la filuga ponzese e l’arte della costruzione dei gozzi di legno di Luciano Di Meglio

di Tommaso Giaquinta  dal  sito www.artistidelmare.it “Il gozzo, storia e tradizione italiana”

Da Sorrento a Ponza… la “filuga”

Dopo la Sicilia, la penisola sorrentina ed il golfo di Napoli,   indirizziamo la nostra navigazione verso Nord…
Ponza racconta è un bel sito,  una rivista di attualità e culturale on line che raccoglie la storia e la cultura ponzese, che coglie il profondo legame dei ponzesi, con le loro tradizioni,  con il loro mare, le loro barche, la loro cantieristica che ha prodotto imbarcazioni, perlopiù della famiglie dei gozzi, imparentati con quelli sorrentini:  le filughe.
Ma cos’è la filuga ponzese?

È il termine con cui viene chiamato il tipico gozzo che possiamo trovare nelle acque dell’isola di Ponza.

Praticamente è imparentata col gozzo sorrentino ed i maestri d’ascia locali la hanno adattata al mare di Ponza.

Proprio in  questa bella rivista, Giovanni Hausmann, in un articolo dedicato a tale imbarcazioneecco come la descrive.  … “guardando alcune foto vecchie di un cantiere dell’isola della Maddalena, ho notato che anche loro costruivano imbarcazioni simili e le chiamavano “filughe ponzesi” o maddalenine.   Era un chiaro riferimento a quanto successo nei primi anni del diciannovesimo secolo quando i pescatori ponzesi “colonizzarono” quelle coste insegnando alle popolazioni locali, prevalentemente dedite alla pastorizia, l’arte di pescare e di conseguenza anche l’arte di costruire imbarcazioni adatte alla pesca.

Da qui la Filuga ponzese, imbarcazione caratterizzata da linee d’acqua molto severe, di facile costruzione, dotata di un dritto di prua verticale e della schiocca (piccolo legno di forma triangolare posto a raccordo tra la pennaccia e le falchette). Di dimensioni diverse dai 4 mt ai 10/11mt originariamente manovrate a remi aiutati una vela latina intera o a tarchia con albero removibile e posta a riposo su due forchette poste sul bordo di sinistra. Successivamente motorizzate con motori a testa calda e poi con unità più moderne ma mai di grande potenza. Le linee d’acqua infatti, presentando una carena piuttosto piatta non hanno una grande dislocamento e quindi non necessitano di grande spinta.”

Filuga “Mangiafuoco”


I gozzi di Luciano Di Meglio

Ritorniamo a Ponza.
Il nostro amico Luciano Di Meglio è modellista da circa 40 anni, con alle spalle campionari europei di modellismo. Alcuni dei suoi modelli sono esposti nei musei di Imperia e d’Ischia. Un suo modello fu scelto per partecipare a una mostra organizzata per la ricorrenza del 500° anniversario dell’apertura del porto di Amburgo.

gozzo d’Ischia

E’ appassionato ed amante dei gozzi della sua isola, Ischia, gozzi che tutt’oggi riproduce con la tecnica artigianale della lavorazione dei blocchi di legno.

Infatti è egli stesso a dire che oggi,  più che un modellista,  si sente un artigiano, quasi un andare indietro nel tempo ed avvicinarsi agli antichi costruttori di barche, che non conoscevano progetti, ma si tramandavano le sagome dei garbi con cui realizzavano le barche per i poveri pescatori ischitani.
Mostriamo qui di seguito alcune sue opere, dalla visione delle quali, salta subito all’occhio l’impronta non più tecnica ma artigianale ed artistica della realizzazione di tali modelli.

gozzo a remi

Nella sua bottega-laboratorio a Ischia Ponte sembra di entrare in un vero e proprio porticciolo con gozzi di legno colorati e fantasiosi, ispirati alle imbarcazioni tradizionali dei pescatori. Un patrimonio di forme, tecniche e cultura marinara lontana dalla produzione commerciale in serie.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.