- Ponza Racconta - https://www.ponzaracconta.it -

Pane e pummatore

di Francesco De Luca

 

Prima che finisce l’estate meglio sottolineare le sue prelibatezze

[1]


Pane e pummatore

‘Nu culurcio (1) ‘i pane,
na pummatore ‘ncoppa,
‘nu pizzeco ‘i sale
e ‘nu filo d’uoglie.
‘A staggiona vene pe ce luva’ ‘stu sfizzio.

I pummaturelle so’ chelle piantate a maggio,
‘u pane è d’a Russiella (2),
‘u desiderio è chillo ca è nato quann’eremo ‘uagliune
e i iuorne erano libbere d’u pensiero d’a scola.

“Franco – deceva mamma mia – questa mattina devi andare a fare la spesa giù da Scarpati” (3).
Papà s’era già avviato pe’ gghì addu Carmelina(4) ind’a Padura,
s’aveva accaparra’ a cucuzzella (5) pe fa’ a cianfotta (6).
Frateme s’era appartato a legge Tex,
e a me m’aspettava il Grande Black.

Pane e pummatore
nun tene pretese:
nun se serve,
nun se dummanna,
nun se ringrazzia,
nun se lascia.
Se mangia cu’ crianza:
nu muorzo a te,
a chillo vecino,
e tutt’assieme a mano a mano.
‘U bicchiere ‘i vino aiuta.
A fa’ che?
A te recria’.

Accussì è bello a campa’.

 

[2]

Note:
1 – il fondo dello sfilatino di pane; 2 – storica panetteria di Ponza; 3 – bottega di alimentari giù in Banchina Di Fazio, ora inesistente; 4 – rinomata contadina di Sant’ Antonio; 5 –  zucchina verde e lunga, estiva; 6 – piatto estivo meridionale a base di verdure.

 

Questa è la versione recitata (file audio .mp3):

http://www.ponzaracconta.it/wp-content/uploads/2020/09/Pane-e-pummatore.mp3 [3]