Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-20 u-33 vdp-03 30-07-2005-19-32-10_0004 p-03 83a

A Ponza

di Dante Taddia

Anche in occasione di questo singolare Ferragosto 2020, dal lontano Mozambico Dante Taddia non ha voluto far mancare il suo saluto a Ponza, ai ponzesi e ai suoi ospiti. E lo ha fatto come sempre nel suo dialetto romanesco, e con qualche licenza poetica che i nostri lettori benevolmente gli concederanno.

 

Er Covidde diciannove
te l’ammorba er Feragosto
ma su questo nun ce piove,
Ponza resti ‘r mejio posto:

pe’ gode’ ner fasse bagno,
a trovasse ‘n’ amichetta,
e su questo nun c’e’ ‘r lagno,
si ‘na gita fai in barchetta.

Ogni giorno, e ormai so’ mesi,
ma i contaggi nun decresce,
tutti deve ‘sse compresi
‘n ’e distanze quanno s’esce,

de lavasse poi li diti,
drento ar gomito ‘o stranuto
ma pe’ sti quattro ‘ncitrulliti
‘n copp’u viente sta scriuto

Cianno fatto li proggetti:
parto, arivo e che emozzione,
appiccicati tutti stretti
e ‘mbriacati ‘a distruzzione!

Ma chi ca*** v’ha chiamate
‘pe fa ‘ all’isola li danni?
Bboni a casa ve ne state
e qui tornate fra ghiecianni

Quanno a quello c’ate fatto
amo trovato er bon vaccino
e mai piu’ se facci un atto
da monumento der cretino.

M’ero illuso e avio sperato
che ‘n soggiorno, puro corto,
a tutti fosse ‘n po’ fatato:
senza bagni drent’ar porto,

senza arrubbo i motorini,
senza sbronza ne la via,
ma da bravi rigazzini
mare e sole in armonia.

Famo finta un brutto sogno
quer ch’a lujio ciate dato
e dite ognuno “me vergogno”
e pe’ monnezza sia trattato;

e dde sicuro ner trentuno
ve faremo bbona festa,
quanno poi de ciascheduno,
bon ricordo a noi ce resta

e ‘n’a testa ve ce ronzi
che ‘nest’isola incantata
nun dovete fa’ li str…ani
perch’ add’esse rispettata

Maputo 15/08/2020

Devi essere collegato per poter inserire un commento.