- Ponza Racconta - https://www.ponzaracconta.it -

Agosto da manicomio

di Francesco De Luca

Scorre con passo accaldato. Agosto inaspettato, da ricordare. Vicende che si intrecciano, si aggrovigliano, spero che non si corrompano

[1]

 

Austo è cagnato

 

Comm’ è cagnato austo !
Na vota l’ aspettavemo pe sazzià
‘a voglia ‘i sole
cuvata pe tutt’ a vernata.
E po’ … se cuglieveno i pummatore p’ i buttiglie  (1)
e fore all’ aria se metteveno i lenzole
pe luvà a salimma  (2)
ca ncricca  (3)  ll’osse
e porta a tosse.

Mo’… austo è nu manicomio:
ggente c’ accatta, ggente ca venne,
pe mare, pe terra,
chi saglie, chi scenne.
Uagliune, cumitive, signure,
a matina, a sera, a cuntrora  (4)
Ll’ isola è puorto, bancarella,
spiaggia, passerella
senza pace
senza quiete
senza suonno,
cu tanta sete.
Ind’ a stu manicomio
chi ce sta ?
I pazze… !
E nuie pazze parimme…
senza crianza  (5)
senza repose,
senza decenza.
I bagne a mare
metteveno alleria,
a ggente addefrescava cuorpo  e penziere
ogge sulo bagne ‘i sudore
e ghiastemme quante ne vuo’…
a ogne ora

Accussì ce troveno
i primme tempurale:
stufate e scannate.
“ Vott’ a passà …
pure chist’ anno è gghiuto …”
E turnammo Punzise,
e aspettammo
ca u iuorno vene … dopp’ a notte,
e nuie appriesso
c’ u rusario mmano a capa sotto.
Speranze poche,
tanta malavena (6)
cu i sacche chiene.

 

Note: 1) – passata di pomodoro per l’inverno;  2) – l’umido da sale marino:  3) – bloccare ;  4) – pomeriggio ;  5) – buona educazione; 6) – malumore

Versione recitata

http://www.ponzaracconta.it/wp-content/uploads/2020/08/1.mp3 [2]