Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

ep-05 u-22-restaurata 44 89 5-2 Prateria di Posidonia oceanica

Agosto da manicomio

di Francesco De Luca

Scorre con passo accaldato. Agosto inaspettato, da ricordare. Vicende che si intrecciano, si aggrovigliano, spero che non si corrompano

 

Austo è cagnato

 

Comm’ è cagnato austo !
Na vota l’ aspettavemo pe sazzià
‘a voglia ‘i sole
cuvata pe tutt’ a vernata.
E po’ … se cuglieveno i pummatore p’ i buttiglie  (1)
e fore all’ aria se metteveno i lenzole
pe luvà a salimma  (2)
ca ncricca  (3)  ll’osse
e porta a tosse.

Mo’… austo è nu manicomio:
ggente c’ accatta, ggente ca venne,
pe mare, pe terra,
chi saglie, chi scenne.
Uagliune, cumitive, signure,
a matina, a sera, a cuntrora  (4)
Ll’ isola è puorto, bancarella,
spiaggia, passerella
senza pace
senza quiete
senza suonno,
cu tanta sete.
Ind’ a stu manicomio
chi ce sta ?
I pazze… !
E nuie pazze parimme…
senza crianza  (5)
senza repose,
senza decenza.
I bagne a mare
metteveno alleria,
a ggente addefrescava cuorpo  e penziere
ogge sulo bagne ‘i sudore
e ghiastemme quante ne vuo’…
a ogne ora

Accussì ce troveno
i primme tempurale:
stufate e scannate.
“ Vott’ a passà …
pure chist’ anno è gghiuto …”
E turnammo Punzise,
e aspettammo
ca u iuorno vene … dopp’ a notte,
e nuie appriesso
c’ u rusario mmano a capa sotto.
Speranze poche,
tanta malavena (6)
cu i sacche chiene.

 

Note: 1) – passata di pomodoro per l’inverno;  2) – l’umido da sale marino:  3) – bloccare ;  4) – pomeriggio ;  5) – buona educazione; 6) – malumore

Versione recitata

Devi essere collegato per poter inserire un commento.