Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

sdb m 68c 06 silverio-mazzella Spugne e astroides si contengono lo spazio

Sbatti Ponza in prima pagina

di Paolo Iannuccelli

.

Vorrei riproporre un articolo scritto tanti anni fa per il sito telefree, molto attuale a mio avviso

Ponza: Google, il primo motore di ricerca internet al mondo, riconosce Ponza come il centro più importante della provincia di Latina. Non poteva essere diversamente, vista la notorietà dell’isola descritta dal magazine “Traveller” tra le più belle del mondo.

Il termine “ponzologi”, felicissima definizione del giornalista Giovanni Del Giaccio, definisce coloro che scrivono o parlano di Ponza solamente nel periodo estivo, senza saperne nulla. O quasi.
Succede che lo stimatissimo professor Campanella, decente universitario in pensione, muoia – secondo certa stampa poco informata – perché strangolato da un malfattore, invece poi risultata ufficialmente “infarto acuto del miocardio” la causa del decesso durante un’escursione su barca vela.
Un operaio di Terni, Francesco Fortunati, mentre stava lavorando sulla parete rocciosa di Chiaia di Luna, è caduto sulla spiaggia, un volo di settanta metri con decesso sul colpo. Si è parlato di omicidio, di storie d’amore, di piste segrete. Alla fine, sul fascicolo dell’ottimo giudice Chinè una dicitura: “Decesso per infortunio sul lavoro”. Il povero Fortunati non aveva allacciato la cintura di sicurezza.

Ponza fa sempre notizia, un punto di sutura applicato al Poliambulatorio diventa dieci punti sui giornali nazionali e locali, un grammo di droga si decuplica, un litro di latte scaduto prelevato in un alimentari si trasforma in una grande quantità. Un sequestro di una grotta di pochi metri viene tramutato mediaticamente in “lussuosa villa con giardino”, un furtarello in un colpo milionario, qualche ombrellone sulla spiaggia non in regola è “un intero villaggio turistico”, la morte di un subacqueo è sempre “un mistero”.

Ci siamo abituati a queste cose. Ponza è Ponza, meglio “pompare” le cose.
Ma perché sempre in modo negativo? I ponzesi sono stufi di essere “usati” per tre mesi l’anno e poi dimenticati davanti ai problemi dell’isolamento invernale, delle navi che non arrivano, dell’acqua che manca, della sanità che non c’è, dei rifiuti solidi urbani, delle scuole senza professori, della mancanza di case per giovani coppie senza un piano di edilizia economico-popolare.
Recentemente, le forze dell’ordine hanno effettuato dei controlli su pontili galleggianti, case in affitto, affittabarche, bar e ristoranti. La situazione non è risultata delle migliori, sono state fatte numerose contravvenzioni, ma c’è una fetta di ponzesi onesti e ligi alle leggi dello Stato che si oppone e protesta: “Non siamo evasori fiscali”.
Spesso, sull’isola, i metri di una barca che staziona in un pontile vengono confusi con quelli di una lancetta data in affitto, bisogna stare attenti, cercare di operare con profonda conoscenza del mare, del territorio, della nautica da diporto.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.