- Ponza Racconta - https://www.ponzaracconta.it -

Una canzone per la domenica (88). Abbracciame, non solo un titolo

di Luisa Guarino

.

Quando ho deciso di scrivere la canzone per la domenica di questa settimana la scelta mi è sembrata semplice, univoca, quasi scontata. Con il passare dei giorni però la maledetta emergenza che stiamo vivendo ha scompaginato le mie certezze e mi ha martellato di dubbi. Però ho voluto andare avanti per la strada intravista, perché non dico un po’ di ottimismo, ma un po’ di consolazione ci vuole, soprattutto in giorni come questi. Eccola dunque, la mia canzone per questa domenica, “Abbracciame”, del cantautore partenopeo Andrea Sannino, che è diventata il simbolo del primo flash mob sui balconi, e da Napoli è rimbalzata in tutto il mondo.

[1]

Quel primo pomeriggio, tutti alle finestre o sui balconi per ritrovare la vicinanza chissà fino ancora a quando perduta, oggi appare lontanissimo. Il dolore e lo strazio di questi giorni lo fanno apparire come l’effetto di una sorta di innocenza primitiva che ormai abbiamo perduto. Ci sentivamo isolati, soli, spaventati, e cantando insieme ci sembrava di poter superare le difficoltà del momento. Non sapevamo ancora cosa ci aspettava, cosa ci attenderà ancora.

Oggi cantare dai balconi non ha più senso. Non dico di decretare una giornata di lutto nazionale come qualcuno chiede: nel lutto, in quanto italiani, viviamo ormai ogni giorno. Nonostante ciò io quella canzone voglio ricordarla lo stesso, perché è stata un autentico fenomeno, di quelli che nascono spontanei e proprio per questo hanno maggiore forza.

Chi l’avrebbe mai detto che il brano, scritto nel 2015 da Sannino insieme a Mauro Spenillo, a causa dell’attuale emergenza sarebbe diventato nel 2020 un mantra per scambiarsi abbracci virtuali, da un capo all’altro della Penisola?
E “Abbracciame” è diventato anche la suoneria più scaricata per il cellulare: è ai primi posti della classifica di iTunes Italia, e su YouTube il numero delle visualizzazioni ha raggiunto 33 milioni.

Beh! Lo capisco pefettamente. Dopo quel pomeriggio del primo flash mob sul balcone, e dopo aver visto e ascoltato uno dei tanti video realizzati per l’occasione, io per prima ho cercato di saperne di più, sia su questa canzone a me sconosciuta che sul suo cantante-autore, Andrea Sannino, altrettanto sconosciuto: da allora l’ho conservata sullo smartphone e l’ascolto spesso. Penso molti altri abbiano fatto lo stesso.
Ma cerchiamo di saperne di più su quest’artista, che proprio in questi giorni sarebbe dovuto andare in scena al Teatro Augusteo di Napoli con uno spettacolo su Renato Carosone, già sold out.

E c’è a questo proposito una coincidenza molto singolare, di cui Sannino parla in un’intervista a un quotidiano: Carosone, genio della musica a livello mondiale, ha avuto il compito di riportare l’allegria tra gli italiani del dopoguerra. Infatti in qualche modo sarà lui stesso anche questa volta a riportare un po’ di entusiasmo nel nostro Paese, quando la guerra contro il Covid-19 sarà finita. Non vediamo l’ora.
E così “Abbracciame” non sarà più solo il titolo di una canzone, bellissima e struggente.

.

.

Abbracciame

Finalmente stasera sto ccà ’nzieme a te, e nisciune po’ sentere
So’ ’nu poco scurnuse e ’sti ccose tu ossaje, nun so’ buono a le ffa’
chi nun tene curaggio ’int’a vita, ’nu suonne ’o po’ sulo perdere
e pirciò si stai ccà l’he capite, ca ’o suonne mio si tu

me songo ’nammurate ’e te, so’ pazzo ’e te, so’ pazzo ’e te !
stai redenno e te fai cchiù vicino, me vase primm’ tu…

E allora sì, abbracciame cchiù forte,
pecché po’ chi se ne fotte si tutt’ ’o tiempo ca è passato è tiempo perzo
o si dimane nun esiste niente cchiù
abbraccieme stanotte, nun me voglio arricurda’
e tutte ’e vote ca t’aggie sunnate, ca me scetave ma nun stive ccà

Quanti cose se pensano a vote primm’ ’e pute’ di’, te voglio bene
ce fa’ quasi paura a penza’ ca te puo’ ‘’nnammura’, accussi dint’ a’ ’n’attimo
comm è bell a’canta’ ’na canzone pe’ tte, mentre ’e mane se cercano
e si sbaglio ’e parole nun succede niente, te guarde, e torno a ’nventà

me songo ’nammurate ’e te, so’ pazzo ’e te, so’ pazzo ’e te!
stai redenno e te fai cchiù vicino, me vase primm’ tu …

E allora sì, abbracciame cchiù forte,
pecché po’ chi se ne fotte si tutt ’o tiempo ca è passato è tiempo perzo
o si dimane nun esiste niente cchiù
abbraccieme stanotte, nun me voglio arricurda’
e tutte ’e vote ca t’aggie sunnate, ca me scetave ma nun stive ‘ccà

 …abbraccieme stanotte, nun me voglio arricurda’
e tutte ’e vote ca me so sbagliate, quanne parlavo d’a felicità.

 

[“Abbracciame” di Andrea Sannino, scritta da Andrea Sannino e Mauro Spenillo, è il singolo che fa parte dell’album Uànema!, uscito nell’ottobre 2015 per l’etichetta Zeus Record].