Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-34 p-18-3di4 pa-01 k2-10 v2-9 Prateria di Posidonia oceanica

Viento nuovo mette

di Francesco De Luca

.

Un po’ di poesia, quella vernacolare, quella ponzese.
Ora che una stagione declina e l’altra spinge per insediarsi. Come a dire che una speranza fa capolino fra le declinanti paure.

 

Viento nuovo mette

Uaglio’ t’he mette ll’anema ’mpace.
Chello ch’è stato è stato,
mo se tratta ’i tera’ annanze a campa’.
Doppo ’u vierno
vene ’a primmavera
e ’u core vatte ’mpietto
e spera.
Tu po’… si’  ’uaglione…
a natura a te te dà raggione.
Arape ’ll’uocchie,
tiene stappate i recchie
e primm’a tutto
tiene a mente aperta
a chello ca gira attuorno,
a i voce ca se moveno pe’ ll’aria,
a i cunsiglie ca ’u core te manna.
’Nt’ appaura’:
’stu munno è ’u tuie
si ’u saie cummanna’.
Cca si nato,
e cca hè cunzuma’ ll’aità.
Viento nuovo mette,
cose nove t’aspetteno.
Va’,
iettete,
mitte mano a ’stu munno ’i meraviglie
e facce asci’ ’u mmeglio.

 

Segue versione recitata

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.