Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

pa-01 a-04 v2-11 l-07 corrida13 casa-dei-vitiello

Come glielo spieghi a uno del Nord..?

proposto da Sandro Russo (di autore – forse – anonimo; ricevuto per whatsapp da un gruppo di amici napoletani)

.

Come glielo spieghi a uno del Nord che da noi il Natale non è il 25 dicembre ma è quel periodo che va dal 7 dicembre al 6 gennaio?

La regola è che i pranzi delle vigilie sono pizza, casatiello o sfilatino e i cenoni che durano dalle 5/6 ore senza contare il panettone-pandoro-cassata-dolcini-frutta secca time per “toglierti il sapore dalla bocca”?

Sveglia all’alba per “sistemare” la casa e apparecchiare il tavolo… sì, da noi il tavolo si apparecchia all’alba!
E così: mobili spostati, pareti abbattute, divani spariti che Extreme Makeover Home Edition levati proprio!. Una volta creato il vuoto cosmico, dal nulla appaiono tavoli, tavolini e sedie.

Si apparecchia per un pranzetto ‘intimo’ in famiglia: 36 cristiani + 12 criature e 4 neonati.
’Na vota che il tavolo è “addobbato” si passa alla “fase cucinata”.
Se entri in un palazzo napoletano alle 7:00 del mattino di un giorno festivo puoi sentire già nell’androne l’addore d’i vvongole, ’a puzza ’i cavliciore e ’u rumore d’u baccalà e d’u capitone che stanno frienne.
Il menù prevede:

Antipasti: tartine con tonno e maionese, salmone e maionese, prosciutto e maionese, “caviale” e maionese, maionese e maionese; poi… cardi, broccoletti, carcioffele, zucchinette… fritti cu ’a pastella; pezzame vario ed eventuale; sottaceti e sott’olio e insalata di riso, russa, di mare, purpo cu ’e patane… in cui trovi di tutto tranne che l’insalata.

Primo: ’O spaghetto cu ’i frutti ’e mare, con una lattina di olio intera e ’o solito probblema: …’e facimm’ in bianco o cu ’a pummarulella? …Vabbe’ facimm n’assaggio ’e tutte e duie!
Aspè’… aspetta..! …’Nu piattill ’e menesta maritata!

Secondo: ’O Pezzullo ’e baccalà , ’o capitone e ’a ’nzalat’e rinforzo cu ’e papaccell’ e/o cu ’e vruòccule…  sempe pe’ pulezza’ ’a vocca!
È fondamentale a Napoli che l’ospite adda tuppulia’ cu ’e pier… “bussare con i piedi” …ovvero deve presentarsi con: vino, liquori, mezza pasticceria Scaturchio e se la nonna è ancora viva, una stella di Natale per lei.

Il pranzo/merenda/cena si consuma nel frastuono più totale.
Una volta che ci si è sbufarati… ehm saziati… le donne sbarazzano in 6 minuti e 45 secondi che Mary Poppins a mia madre gliela può solo sciusciare.
Quando è tutto bello sistimato ci si mette modalità “accumminciamm”, ovvero pronti per la tombola, terrore per i ragazzi, divertimento psichedelico per bambini e anziani.

Le frasi tipiche che si possono udire durante questo gioco sono:
Ambo! …dopo il primo numero estratto.
– Ma il 25 56 72 49 36 so’ asciute? …dopo 2 minuti.
– Aspe’, me so’ cadute tutte ’e lummiccule… Ripeti tutti i numeri!
Il piu’ piccino – gambe di vecchie – culo – gli anni di Cristo – gli anni della zia 7 anni fa, non mi stressate!
– Ammuné’ …aspetto il 40 da un’ora… 41… tombola!

Intermezzo: struffoli , raffiuoli , roccocò e cassatine, caffè e ammazzacaffè (un’altra ora e mezza).

Verso le 20,30 si mette in scena: “…Che facimm’ mettimm’t a tavola chello che è rimasto?”.
“Noooo… io non mangio, mi siedo solo per farvi compagnia”
(e poi si mangiano pure i piedi del tavolo)

Qualche altro giro di 7 e mezzo con litigate annesse, spartizione del cibo rimasto in contenitori tupperware e …ognuno a’ casa soia.

Come glielo spieghi ad uno del Nord che tutto questo fa parte del nostro bagaglio culturale che dobbiamo tutelare pecché nonostante “i penzieri”, i disgrazzie e le “mancanze” che ci sono in tutte le famiglie, col cibo e lo stare tutt’assieme, tutto passa… almeno per un giorno?

Devi essere collegato per poter inserire un commento.