Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-09 l-14 ernesto-13 corrida5 250px-burkina_faso_orthographic_projection-svg_ La tana dei re di triglie

La Bull Basket Ponza continua a mietere successi

di Paolo Iannuccelli

.

Unifortitudo Pomezia 39 – Bull Basket Ponza 41.
Parziali: 5-14, 12-14, 3-4, 19-9.

UNIFORTITUDO POMEZIA: Georgieva 18, Necci, Marinangeli 5, Pace 2, Ramella 8, Caracci 2, Piozzi 4, Di Clemente, Bellucci, Serio, Grimaldi.
Coach: Basinelli.
BULL BASKET PONZA: Corona 12, Perini 8, D’angelo, Colabello 10, De Angelis 3, Velletri, Stamegna, Soscia, Libonati, Magnanimi 8.
Coach: Di Maria.

Sesta giornata di Campionato e sesta vittoria per la Bull Basket Ponza, primato in classifica a punteggio pieno ed unica squadra imbattuta del girone.
Partita importantissima e difficilissima quella che aspetta le Bullette in quel di Pomezia, le avversarie sono veterane della palla a spicchi e si presentano provviste di ottime fisicità, le bianco-verdi fanno i conti con i soliti problemi di infermeria e le indisponibilità di Ramadan e Polverino, ma il coach punta tutto sul gruppo, rinforzato nell’ultima settimana dall’arrivo di Valentina Magnanimi già nota al sodalizio pontino.

Match che inizia subito forte, la Bull schiera in campo Colabello e D’Angelo non ancora al top con quest’ultima che purtroppo si fermerà durante l’incontro, Corona e Perini in cabina di regia e Velletri sull’esterno; sono di Pomezia i primi due punti, le torelle sono un po stordite, non si riesce a far girare palla e non si attacca il ferro; un time out avversario giova anche alle biancoverdi che prendono le misure alle pometine e iniziano ad infilare una serie di tiri dalla lunga fino ad arrivare allo scadere del primo quarto che vede il tabellone premiare le isolane con un 14-5.

Seconda frazione che ricalca la prima, sugli scudi Velletri e Magnanimi che eseguono alla perfezione gli ordini imposti da coach Di Maria e imbrigliano a dovere la Georgieva, atleta di spessore che non pochi problemi arreca alle squadre avversarie, un ottima Colabello si fa sentire sotto le plance e una buona rotazione di palla da parte di Corona e Perini danno un poco di tranquillità alla squadra che chiude il secondo quarto sopra di 11.
Al rientro dall’intervallo lungo il gioco si congela, i tatticismi dei due allenatori bloccano gli attacchi ed esaltano le difese, un paio di sprazzi di gioco ma pochi punti, la Bull si sovraccarica di falli ma chiude anche questo parziale in vantaggio di 12.

Ultima frazione dove le padrone di casa provano a pressare, le torelle ne escono benone anche se non riescono a realizzare quanto di buono fatto in campo, Pomezia non sbaglia, Georgieva sale in cattedra ed infila una serie di canestri che fa accorciare le distanze complice anche l’uscita per falli di Magnanimi prima e Perini subito dopo.
Le biancorosse ci credono e altrettanto fa il pubblico di casa che si fa sentire sempre di più, Colabello e compagne sono provate dalle fatiche ma ci pensa il capitano a dare la giusta calma alla squadra, sull’ennesimo pressing avversario prende palla e con un coast to coast arricchito da uno slalom tra le giocatrici pometine, arriva a canestro e infila due punti in quel momento vitali; si ripeterà poi qualche momento più tardi infilando un due su due dalla lunetta a pochi secondi dalla fine quando le squadre erano in perfetta parità.
Ultima azione molto concitata che vede Soscia difendere la lunetta e strappare quel rimbalzo che regala alla Bull la vittoria.

Partita finita 41-39 con l’esultanza del team ponzese che anche contro le avversità è riuscito ad imporre la propria legge.
Coach Di Maria a fine gara: “E’ stato un match difficile in primis per le condizioni fisiche in cui ci siamo arrivati e poi per le assenze comunque molto pesanti per noi e alle quali riusciamo sempre ad ovviare; la bellezza di questa squadra è il gruppo, tutte si compensano tra loro e nessuna si tira indietro nel momento del sacrificio, sono ragazze straordinarie.
Se penso che ancora non abbiamo giocato mai una gara al completo, la prospettiva è interessante. Della gara devo dire che sapevamo di affrontare una squadra esperta e ben messa fisicamente, abbiamo utilizzato alcuni tatticismi per contenere i loro elementi migliori e scavalcare la loro difesa, giocare ogni volta con quintetti diversi non e’ facile ma rinnovo l’encomio alle ragazze perche’ sanno mettersi a disposizione ed adattarsi a tutte le situazioni. Ora continueremo a lavorare per affrontare al meglio l’ultima gara dell’anno (per noi) che ci sarà proprio a Ponza davanti al nostro pubblico, sperando chi chiudere il 2019 a punteggio pieno.”
Gara in programma domenica 15 alle ore 13:30 alla Tensostruttura di via Cavatella, prontamente ripristinata dal Comune di Ponza a seguito del danneggiamento avuto per il maltempo che ha interessato l’isola e nuovamente riutilizzabile per gli allenamenti e le gare degli atleti isolani.

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.