- Ponza Racconta - https://www.ponzaracconta.it -

Una canzone per la domenica (61) Tosca. Il terzo fuochista

proposta da Silveria Aroma
[1]

.

L’estate delle nostre isole viene, in un certo senso, aperta da San Silverio e chiusa da Santa Candida. Ricorrenze religiose ma anche, specie nell’immaginario dei bambini, giorni di festa!

[2]

C’è una canzone che, sin dal primo ascolto in un inverno di qualche anno fa, mi ha riportato chiaro ai sensi il gusto della festa di paese, con parole e sonorità capaci di riprodurre tutto; la banda, gli odori, la cera della santità e i fuochi d’artificio.
A una delle foto presenti alla mostra Lungo il sentiero [3] ho voluto legare proprio un frammento di questa canzone.

[4]

La foto fissa una pioggia luminosa sul mare per la festa di San Silverio; la canzone è “Il terzo fuochista” di Tosca.

Dal Festival di Sanremo 2007 e dall’album omonimo (dello stesso anno).

[5]
.

.

Gira volta gira volta volta gira vola
Volta gira gira volta gira volta vola
Pieno di brillanti è il mare
Dove all’orizzonte non s’arriva mai
Ricco di profumi il fango sulle ortiche
Al sole che tramonterà

Gira volta gira volta volta gira vola

Volta gira gira volta gira volta vola
Zucchero limone e neve
Presa sopra i tetti di tanti anni fa
Notte dopo notte mamma ancora canterà
I
Il giorno che sei nata tu

Per me nacque un amore
Mille e mille stelle
Si cambiaron di colore
Gira volta vola all’infinito
Questa nenia si ripeterà
Con le note di una fisarmonica
La festa ancora arriverà
Passa il santo passa il santo
Guarda quant’è bello
Cantano le donne in coro
Guarda quant’è bello
Strusciano sottane
Mentre cola sangue e cera dalla santità
Fumano i camini, pesce fritto e baccalà.

C’era una bambina con le sue scarpine blu

Vestitino a fiori
Ed i suoi occhi a guardar su
Un colpo scuro e il fumo nell’azzurro se ne va
Ruotava la bambina
Con le sue scarpine blu
Gira gira volta
Braccia aperte e naso in su
E la banda andava piano piano a cominciar

Zum para para zum para para zum pa pa

E Zum paraparapa zum paraparapa zum pa pa
Bancarelle giostre giochi luci orchestre tenorini zum pa pa
Noccioline torroncini lecca lecca palloncini zum pa pa
E zum para para zum para para zum pa pa
E Zum paraparapa zum paraparapa zum pa pa
Brillantina dopobarba sigarette trombe fiati e putipù
Orecchini collanine messe in piega e molto di più

C’era una bambina
Con le sue scarpine blu
Vestitino a fiori
E i suoi occhi a guardar su
Un colpo scuro e il fumo nell’azzurro se ne va
Ruotava la bambina
Con le sue scarpine blu
Gira gira volta
Braccia aperte e naso in su
E la banda andava piano piano a cominciar
Note stonate un via vai di ingenuità
La gente profumava di sudore e dignità
Il terzo fuochista
L’artista quotato di più
Sparò i suoi colori nel cielo
E nel silenzio vennero giù
Oro turchese amaranto corallo smeraldo caffè
La bimba in quel cielo d’oriente
Vide la vita e l’amore che c’è
un due tre
Tre colpi a finire e la notte tornò
Da allora rimase a sognare
E i colori per sempre con sé si portò.

(Autori: M. Venturiello, Tosca, Ruggiero Mascellino)