- Ponza Racconta - https://www.ponzaracconta.it -

Una canzone per la domenica (41). Lella, un femminicidio d’antan

proposta da Sandro Russo
[1]

.

Certe canzoni “rimangono in memoria”. Ti ritrovi a fischiettarle dopo anni che non ci pensavi; provi a ripeterla e scopri che la ricordi bene: tutte le parole! Chissà dove era andata a nascondersi..!

Un pezzo notevole, nato per ispirazione improvvisa di un cantautore bravo, ma non di grande successo: Edoardo De Angelis, classe 1945, che aveva cominciato al Folkstudio, come (e più meno in concomitanza con-) De Gregori e Venditti…

Lella è del 1971, ma l’atmosfera che vi si respira non è di quegli anni; Roma sembra un piccolo mondo antico legato a figure e comportamenti che saranno presto spazzati via (ma qualcuno è duro a morire, anzi ‘riciccia’); mi ha ricordato piuttosto la Roma del dopoguerra (anni ’50, più o meno), ritratta nell’invettiva-grido d’amore di Remo Remotti (guarda e ascolta qui [2]).

La voce narrante – perché di letteratura si tratta, anche se concentrata in forma di canzone – è quella di un “duro” di quartiere (sciupafemmine, in romanesco), a cui non si deve dire di no. Che comincia una storiaccia con una donna sposata, ricca e bella per vantarsene co l’amici: una faccenda di sesso da consumare in fretta; l’amore non è previsto. Ma ad un rifiuto della donna, presentato come un capriccio – insopportabile per uno come lui -, non trova di meglio che strangolarla.
Passano quattro anni e il rimorso gli rode dentro, come Raskòl’nikov di Delitto e Castigo, torna sul luogo dell’omicidio – ma solo a guarda’ er mare (…chi ci crede?)– e in fondo vorrebbe essere scoperto, per sgravarsi l’anima, anche se chiede all’amico de nun lo di’ a nessuno.

La ballata è suggestiva, e fluida la corrispondenza con le parole… Il romanesco contribuisce per la sua parte alla suggestione del testo (…er cravattaro è quello che presta i soldi a strozzo; …co’ ’ste mano e una perla!)

Qui nella versione di Lando Fiorini (le immagini non sono congrue col tempo, ma ho scelto comunque questa versione; le immagini sono nel video di Remo Remotti).

.

.

Lella

Te la ricordi Lella quella ricca
La moje de Proietti er cravattaro
Quello che ci’ha er negozio su ar Tritone
Te la ricordi te l’ho fatta vede
Quattr’anni fa e nun volevi crede
Che ‘nsieme a lei ce stavo proprio io
Te la ricordi poi ch’era sparita
E che la gente e che la polizia
S’era creduta ch’era annata via
Co’ uno co’ più sordi der marito…

E te lo vojo di’ che so’ stato io
E so’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto
E te lo vojo di’ ma nun lo fa sape’
Nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te

Je piaceva anna’ ar mare quann’è inverno
Fa’ l’amore cor freddo che faceva
Però le carze nun se le tojeva…
A la fiumara ‘ndo ce sta er baretto
Tra le reti e le barche abbandonate
Cor cielo griggio a facce su da tetto.
Na matina ch’era l’urtimo dell’anno
Me dice co’ la faccia indifferente:
Me so stufata, nun ne famo gnente
E tireme su la lampo der vestito…

E te lo vojo di’ che so’ stato io
E so’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto
E te lo vojo di’ ma nun lo fa sape’
Nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te

Tu nun ce crederai nun ciò più visto
l’ho presa ar collo e nun me so’ fermato
che quann’è annata a tera senza fiato…
Ner cielo da ‘no squarcio er sole è uscito
e io la sotterravo co’ ‘ste mano
attento a nun sporcamme sur vestito.
Me ne so’ annato senza guarda’ ‘ndietro
nun ciò rimorsi e mo’ ce torno pure
ma nun ce penso a chi ce sta la’ sotto…
io ce ritorno solo a guarda’ er mare…

E te lo vojo di’ che so’ stato io
E so’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto
E te lo vojo di’ ma nun lo fa sape’
Nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te

(Compositori: Edoardo de Angelis / Edmondo Giuliani / Stelio Gicca Palli)

[3]


P.S.
– Grazie all’opera di scavo per preparare il pezzo, ho scoperto che dello stesso Edoardo De Angelis è anche La casa di Hilde… (portata al successo da De Gregori).
Bella… L’ombra di mio padre due volte la mia, / lui camminava ed io correvo… (chissà perché la attribuivo a Ivan Graziani!)

 

Appendice del 30 novembre 2019 (cfr. commento di Sandro Russo)

Prendo al volo l’occasione di un cinquantenario – la nascita della canzone Lella, scritta nel ’69 – raccontata su la Repubblica di ieri, 29 nov. attraverso le dichiarazioni degli autori, Edoardo De Angelis e Stelio Gicca-Palli, ora 74-75enni…

Lella quella ricca [4]