Ambiente e Natura

Auguri di Natale. ’Nu rutunno pe’ Gesù

di Francesco De Luca
Immagine 160

 

Il miracolo della nascita di Gesù si rinnova inspiegabilmente anche a Ponza.
Trova tutti impreparati, ma il Ponzese non rinuncia al suo dono e il suo animo genuino trova il modo di impreziosirlo.

 

’Nu rutunno pe’ Gesù

 

Quanno nascette Gesù

ie nun capette niente cchiù.

’Ncielo, chin’ i stelle

e ’nfunno, manco ’na patella,

’nu ’scorfano, ’na raia, ’na mennella.

Hai voglia ’i guarda’ c’a lampara:

’nu deserto pareva tutt’u mare.

Ie vugavo c’u lanzaturo mmano

e me pareva ’nu poco strano

c’addò avevo pigliato ’u purpetiello

’nse vedeva passa’ manco ’nu scuncillo.

 

Po’ ’na luce d’u cielo scennette

e ll’uocchie ’i vede’ nun putetteno.

’Na voce ’i chiesa spiegaie ogne cose.

 

Arrancaie pe’ turna’ a’casa,

pe’ vede’ pure ie ’u miracule’i Dio

ca s’è fatto pitto comme ’u figlio mio.

 

Ma po, che ghieve cu’ ’i mane mmano ?

’Nce purtavo proprio niente

a chillu Dio pezzente ?

No, ’nu pescetiello aveva piglia’ ’a chillu funno.

 

Fuie accussì ca purtaie ’nu rutunno.

Uno sulo, comme ’na rarità,

pe’ nun sfigura’ cu’ tanta puvertà.

.

Questa la versione recitata:

 

Murales. L'offerta del pesce

1 Comment

1 Comment

  1. fortunato pellegrini

    27 Dicembre 2015 at 16:40

    Bella la poesia, splendida se recitata da Franco

È necessario effettuare il Login per commentare: Login

Leave a Reply

To Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: