Dialetto

‘Nu ciat’ ‘i vita

la Redazione Pancratium maritimum o giglio delle sabbie

 

Ci è giunta in redazione la poesia ‘Nu ciat’ i vita  e la pubblichiamo con piacere.

.

‘Nu ciat’ ‘i vita

.

Me ciàt’ ’nfaccia

cu’ ’na resàt’ ’i vita

I’ aràp’ all’uocchie

e ripiglie a campa’

T’aggie criàt’ e cresciùt’

c’ammore,

poi aggie ditt’:

va’, cammina, ’u munn’ sta llà”

Òmmen’ tuòrn’ spiss’,

nun si’ chiù criatura,

m’agguànt’ ’a man’

 e me fai cammena’,

 Si ’u figlie mie

pe’ mme si chiù d’u sole

me stai tirann’ ’a ’ind’i mane

i chella llà.

                                                                                                                                                                    (Teresa)

2 Comments

2 Comments

  1. Lino Pagano

    13 Novembre 2015 at 19:22

    Mia cara Teresa forse è un vizio di famiglia la poesia fa parte della nostra vita, noi comunichiamo attraverso le parole, Maria ‘a scrivana ha lasciato la sua eredita di scrittrice nei geni della sua discendenza.
    Con il cuore, ti voglio bene… nun ce scurdamm chi simm. Lino

  2. franco schiano

    14 Novembre 2015 at 10:46

    Me ciate ’nfaccia

    cu’ ’na resàte ’i vita

    I’ aràpe all’uocchie

    e ripiglie a campa’

    T’aggie criàte e cresciùte

    c’ammore,…….

    SECONDO ME QUESTA BELLISSIMA POESIA ANDREBBE SCRITTA COSI’

    poi aggie ditt’:

È necessario effettuare il Login per commentare: Login

Leave a Reply

To Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: