- Ponza Racconta - https://www.ponzaracconta.it -

U mare

di Francesco De Luca (Franco)
Mare. Foto di Wolcott Henry [1]

 .

In questo momento dell’anno in cui gli isolani dipendono dallo stato del mare, per confermare la soverchiante sua presenza nei nostri pensieri propongo questo brano, inserito nell’ultimo incontro teatrale: A staggione  ‘i  miezzo.
Motivo e versi di Francesco De Luca
Arrangiamento e accompagnamento di Nino Picicco

Mareggiata dietro la Caletta [2]

.

U   mare

 

U mare mena, u mare ‘nfoca,

u mare sciacqua abbasce lloco;

se sta accalmanno, se sta geranno,

‘ncap’ a stasera ha  fatto calmo.

U mare  fète, che calmaria!

Pure u uaglione po’ sta’ a prora via.

Che  fa renfresca, se sta mettenno?

Luvammo mano c’u mare scumma.

Che levantata, chesta è cu i cazze,

paresse ca ce vulesse gnotte.

‘Stu mare cca dura tre gghiuorne,

po’ sta sicuro, t’u puo’  fa’ u suonno.

Vide ‘a Parata che mare iè,

si no dimane chi s’aizza ‘i tre;

si  fore i réfule ‘ncrespeno ll’onne

i rezze ‘i rimanimmo ‘nfunno;

si invece i Furmicule so’ quiete

dimane ammatina vengo e te scete.

U mare ind’i Scuglietelle

t’arricorda c’u viaggio nun è bello.

U mare ind’u puorto

t’ arricorda: quanno trase statte acccorto.

‘Stu mare è patre, ‘stu mare è frate,

‘stu mare cca cu nuie è nato.

Quanno isso allucca ncopp’ i scoglie

ce appaurammo e ce strignimmo i figli;

quanno ce ‘nvita a  ffà i patelle

ce arapimmo u core a passa’ a staggione bella.

‘Stu mare è scola, ‘stu mare è vita.

Voglio muri’, ma ‘nfaccia u mare me mettite

.

( da:  “All’anema  ’i Ponza” –  F. De Luca – 1981 )

.

Mare finale [3]

.

Ascolta qui il file mp3:

https://www.ponzaracconta.it/wp-content/uploads/2014/02/U-mare.mp3 [4]

.