- Ponza Racconta - https://www.ponzaracconta.it -

Tra viarelle e parracine

di Nino Picicco

Mare. Cuscini di euforbie [1]

.

Ci scrive Luisa Guarino, che segue il “Premio Caletta” fin dai suoi inizi, di averlo trovato quest’anno un po’ diverso, “con meno vip e un po’ d’attenzione a temi culturali e ‘sociali’”.
La partecipazione alla manifestazione di due artisti ponzesi, Nino Picicco e Franco De Luca, va certo in questo senso…

Pubblichiamo qui di seguito – video da YouTube e testo – la canzone elaborata dallo stesso Nino a partire da una poesia molto evocativa di Lino Catello Pagano pubblicata qualche tempo fa su questo sito (leggi qui [2]). Atmosfera che il pezzo di Nino Picicco mantiene appieno, anche in virtù della musica e delle immagini scelte per illustrarla…
la Redazione

 


Tra viarelle e parracine
.

Tra viarelle e parracine

Rusada fresca e sole ’i matina

’sti lacerte freddegliose

Stese ’u sole a se scarfa’

Saglie… saglie e po’ risaglie

Ciuccio mio t’avuote e raglie

Saglie… saglie e po’ cammina

Ll’aria lava ’a faccia ’a matina

 

Che silenzio tutt’attuorno

Sponta l’alba e mò fa iuorno

Ind’all’ereva addurosa

Pure ’u cane vo’ zumpà

Guarda… ’u cielo comm’ è rosa

Pare ca è ’na veste ’i sposa

Mmiezzo a chiste ’uastaccette

’Stu spettaculo ’nt’ aspiette

 

Vola ’a quaglia e ’a cutrussella

’U marvizzo e ’a runnenella

Scenne ’i scale e po’ cammina

Ammiezze a chesti parracine

Preparammece ’a fatica

Ca facimmo ogni matina

Zappa, pota e sceppeneie

Mena ’u zzurfo e attacca i vvite

Mena ’u zzurfo e attacca i vvite

 

Si tu cirche ’a via d’u vino

Ca te porta abbasci’u Fieno

Lebberato e Luigi ’u Niro

Già t’ammosteno ’u cammino

’U Schafferr fucile in spalla

’Nfaccia ’a cosce appenne ’i quaglie

C’ha sparato stammatina

E po’ ’i ddevache ind’a cuscina

 

Miette ’a tavula cu’ ’i scanne

…i bicchiere… ’u butteglione

’u viccà Boffacazone

Ce apprepara cose bbone

Pummatore… rafanielle

C’i spugnammo doie freselle

Ove… pisce… e doie galline

C’i magnammo ’nt’a cantina

a chest’ora d’a matina

 

Tanto ’u stommaco nn’u ssape

C’amma fa c’u latte ’i crape

Nuie vulimmo ’u prevelone

Ca ce ’mpasta ’a vocca  bbona

E accussì tutt ’i mmatine

Ce ’a sciacquammo cu ’stu vino

E si passe llà vicino

Truove già ’u bicchiere chino

 

’Nzieme a nuie ce sta Zi’ Aniello

Sta armeggianno cu’ ’na cimma

’a stellonga… ’a ’uarda… ’a ’ntrezza

’a rravoglia… ’a vota… ’a ggira

’Mpogna ’u pede forte e tira

Tuculeia… ’ncapezza e dice:

ciuccie  mio c’u cazz’ ’a spiezze

po’ se fa ’nu surso ’i vino

 

…E acussì passa ’a iurnata

Primma avimmo faticato

Tiene mmano ’u fiasco ’i vino

Ià… brindamme cu’ Giustino

Cala… aizza, ammieste… Accosta

Sempe c’a salute:  …A’ vosta !

’Sti varrele leva ’a sotto

Hanno svacantato ’a votta

Hanno svacantato ’a votta

 

Saglie chiane ’a scalinata

Chi sta stanco e chi ha zappato

Chi ha passato p’u scappuccio

Miette a varda ’ncopp’u ciuccio

’Ncielo ’a’rpaia sta pardianno

Sta sicuro che fa danno

Venarrà ’na sciuruccata

Maletiempo assicurato

 

Bah… gudimmece ’u lustrore

Ca se vede a Parmarola

’sti viarelle e parracine

Nuie ’i cercammo ogni matina

’Na resata… ’na pazziella

’nu sfottò… ’na canzuncella

E accussì ca passa ’a vita

Si t’avuote… è già finita

Si t’avuote… è già finita.

Punta Fieno. Cane [3]